Perché bisogna agire subito in questo modo quando il tappetino della doccia si annerisce

Il tappetino di gomma, che di solito si applica nella vasca o sul piatto della doccia, è fondamentale se non si vuole rischiare di scivolare. Fatto sta che è uno degli elementi del bagno che si sporca più facilmente e che contiene più batteri. Per questo motivo è necessario pulirlo ed igienizzarlo costantemente, togliendo incrostazioni di calcare e muffa. Ecco perché bisogna agire subito in questo modo quando il tappetino della doccia si annerisce.

Una pulizia profonda

Come abbiamo visto, dal momento che i tappetini di gomma sono sempre a contatto con acqua, saponi ed umidità, sono facili preda di muffe e batteri.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

È inevitabile quindi che dopo un po’ di tempo tendano ad annerirsi o ingiallire. Per questo è buona prassi, dopo ogni doccia, staccare il tappetino e lasciarlo asciugare al sole. Magari strofinando un po’ di detergente per eliminare al volo lo sporco.

Ma se si vuole effettuare una pulizia profonda, basteranno pochi elementi che sicuramente tutti abbiamo in casa. Infatti, in questa breve guida, consiglieremo una serie di prodotti, grazie ai quali possiamo evitare di comprare altri igienizzanti al supermercato. Vedremo, dunque, come e perché bisogna agire subito in questo modo quando il tappetino della doccia si annerisce.

Come pulire il tappeto della doccia

Ecco l’occorrente per lavare il tappeto della doccia senza rovinarlo:

a) bicarbonato;

b) aceto bianco;

c) sapone di Marsiglia;

d) una spazzola;

e) un recipiente con acqua tiepida.

Per prima cosa inseriamo all’interno del recipiente un po’ di sapone di Marsiglia (3 cucchiai saranno sufficienti). A questo punto, con l’aiuto di una spazzola possiamo togliere lo sporco più superficiale.

Fatto ciò, riempiamo un bicchiere di aceto bianco e versiamoci dentro 3 cucchiai di bicarbonato. Una volta mescolate le due sostanze, versiamole sul tappeto e lasciamo agire all’interno del recipiente per 15 minuti.

Trascorso il tempo necessario, sempre con la spazzola, puliamo nuovamente la superficie del tappeto e poi risciacquiamo con acqua tiepida.
Così facendo tutto lo sporco andrà via e il tappetino sarà di nuovo pulito e profumato.
Naturalmente è consigliato farlo asciugare all’esterno, cosicché i raggi solari possano dare il colpo di grazia alle muffe ed incrostazioni.

In caso di macchie un po’ più ostinate, sarà necessario agire con della candeggina. Ma se, come abbiamo spiegato all’inizio, si effettua questa pulizia costantemente non ce ne sarà bisogno.

Consigliati per te