Pensione contributiva anche per chi ha contributi versati in Gestione Separata

pensione

Anche se il sistema contributivo è bistrattato da tutti perché ritenuto meno conveniente di quello retributivo, è da capire che si va proprio verso questo sistema. Quando non ci saranno più lavoratori che hanno iniziato a lavorare prima del 1996 il sistema retributivo verrà messo da parte. E non sarà più utilizzato. Tra l’altro per chi ricade interamente nel sistema contributivo ci sono possibilità di pensionamento precluse agli altri lavoratori. Ma spetta la pensione contributiva anche per chi ha contributi versati prima del 1996, basta richiedere il computo in Gestione Separata.

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

La Gestione Separata ed il computo

La Gestione Separata INPS esiste dal 1996. Ma questo non significa che il computo in questa Gestione non possa essere richiesto anche da chi ha contributi versati prima di tale data. Basta scegliere il computo nella Gestione Separata. In questo modo si conteggiano tutti i contributi versati, anche in altre gestioni, con il sistema contributivo. E si ottiene, quindi, una pensione contributiva pura.

Per poter richiedere il computo è necessario essere in possesso di determinati requisiti, ovvero:

  • avere una posizione aperta in Gestione Separata INPS;
  • avere almeno 15 anni di contributi versati;
  • avere meno di 18 anni di contributi versati prima del 1996;
  • avere almeno 5 anni di contributi versati a partire dal 1996.

Pensione contributiva anche per chi ha contributi accreditati prima del 1996

Quindi anche chi ha contributi versati prima del 1996 può scegliere di avere una pensione contributiva pura. Che è diverso che scegliere l’opzione contributiva prevista dalla Legge Dini del 1995. Quest’ultima, infatti porta solo ad avere un calcolo contributivo della propria pensione. Il computo in Gestione Separata, invece, apre anche le porte alle cosiddette pensioni contributive.

Chi opta per il computo può accedere alle misure di pensionamento previste dalla stessa Legge Dini. Ovvero l’anticipata contributiva a 64 anni e la misura di vecchiaia contributiva a 71 anni. Misura a cui non possono accedere coloro che scelgono l’opzione contributiva.

Pensione a 64 anni con contributi prima del 1996

Avere contributi versati prima del 1996, quindi, non preclude la possibilità di accedere alla pensione a 64 anni che richiede solo 20 anni di contributi versati. Ricordiamo che questa misura ha anche un terzo requisito da soddisfare che è quello dell’importo. La pensione che si andrà a percepire dovrà essere di importo superiore a 2,8 volte l’assegno sociale INPS. Ovvero un assegno di almeno 1.310 euro.

Per chi pensa di poter soddisfare tutti questi requisiti, quindi, basta esercitare il computo in Gestione Separata per avere diritto ad accedere ad una pensione contributiva.

Lettura consigliata

Pensione a 62 anni nel 2023 con pochi anni di contributi anche per non invalidi

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te