Novità congedo parentale Covid, ecco come richiederlo

Il decreto Legge n.30 del 13 marzo 2021, per andare incontro ai genitori lavoratori, ha previsto un nuovo congedo, rimborsato al 50% della retribuzione. Con il messaggio n.1276/2021, l’INPS comunica le novità per il congedo parentale Covid per i genitori lavoratori. Ecco come richiederlo.

Novità congedo parentale Covid, ecco come richiederlo

I genitori che usufruiranno di tale misura sono i lavoratori dipendenti, in maniera alternativa tra loro. Invece, tali requisiti non sono richiesti nei casi di figli con gravi disabilità certificata, per i quali sono state sospese le attività di didattica in presenza. O, ancora, per coloro che erano ospitati in centri di carattere assistenziale per cui è stata disposta la chiusura.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Invece i lavoratori con figli di età compresa tra 14 e 16 anni, avranno il diritto di astenersi dal lavoro, senza retribuzione o indennità. Ma, in questo, dovranno presentare la domanda al datore di lavoro e non all’INPS.

Requisiti per ottenere il congedo con figli minori di 14 anni

Vediamo di seguito i requisiti necessari per accedere al congedo previsto per i genitori in difficoltà.

Ecco i requisiti per fruire del congedo inerenti al genitore sono:

  • rapporto di lavoro dipendente;
  • la prestazione lavorativa non può svolgersi in modalità agile;
  • il figlio minore di 14 anni;
  • genitore e figlio conviventi per tutto il periodo del congedo.

Deve sussistere, inoltre, una delle seguenti condizioni riguardanti il minore:

  • aver contratto il covid;
  • quarantena da contatto disposta da un provvedimento dell’ASL territorialmente competente;
  • sospensione attività didattica in presenza.

Novità Congedo parentale Covid, ecco come richiederlo

Pertanto, l’INPS, poiché non sono ancora pronte le procedure per presentare la domanda, comunica che il congedo si potrà fruire ugualmente. Ma occorrerà presentare la richiesta al proprio datore di lavoro. Infatti, la domanda si potrà regolarizzare, successivamente, presentando la domanda telematicamente all’INPS. Si rimane, quindi, in attesa delle prossime indicazioni dell’Ente.

Approfondimento

Indennità di 2.400 euro e novità NASPI ecco il via dell’INPS

Consigliati per te