Meglio prendere un giorno di ferie o un giorno di permesso?

Meglio prendere un giorno di ferie o un giorno di permesso?

Un dipendente, durante la sua vita lavorativa, matura una serie di diritti. Tra questi spiccano le ferie e i permessi, cosiddetti ROL (Riduzione Orario di Lavoro).

“HYCM”/
“HYCM”/

Ogni mese infatti, il lavoratore accumula ferie e permessi ROL, che vengono indicati nella sua busta paga.

Nella busta paga, infatti, oltre allo stipendio netto sono segnalate anche le ferie ed i permessi ROL accumulati, oltre a quelli già goduti.

Ci si chiede spesso, nel caso in cui un giorno si fosse impossibilitati a recarsi sul posto di lavoro per impegni personali, se scalarsi un giorno di ferie o un giorno di permesso.

Per poter rispondere a questa domanda è necessario conoscere bene la differenza tra i due istituti.

Cerchiamo di capire nel dettaglio la differenza, per rispondere alla domanda: meglio prendere un giorno di ferie o un giorno di permesso?

Le differenze

Permessi e ferie costituiscono la possibilità per il lavoratore di assentarsi dal lavoro mantenendo intatta la propria retribuzione.

I permessi si differenziano dalle ferie in quanto la loro caratteristica principale è che questi normalmente si calcolano e si prendono ad ore, mentre le ferie a gruppi di giorni.

È importante distinguere anche tra settore privato e settore pubblico.

Nel settore privato, le ferie non scadono. Quelle non godute durante l’anno lavorativo andranno ad aggiungersi a quelle maturate durante l’anno successivo. Le ferie non godute possono essere monetizzate solo al momento della risoluzione del rapporto di lavoro. I permessi ROL maturati non si azzerano, ma vengono accumulate a credito del dipendente, ma hanno però una scadenza 12/24 mesi. Per questo, I permessi ROL non utilizzati, possono essere monetizzati in qualsiasi momento, senza dover attendere la risoluzione del contratto.

Nel settore pubblico, invece, ferie e permessi ROL devono obbligatoriamente essere fruite e quindi non possono essere monetizzate. Neanche in caso di risoluzione del rapporto.

Sulla pagina dedicata dell’INPS, il lavoratore potrà effettuare il calcolo delle ferie che matura in base alla sua situazione contrattuale.

Meglio prendere un giorno di ferie o un giorno di permesso?

Sulla base di quanto detto, qualora ci sia la necessità di assentarsi un giorno da lavoro, è consigliabile scalarsi un giorno di permesso e non un giorno di ferie, sia nel settore privato che nel pubblico.

Questo perché per poter godere delle di ferie è necessario che il lavoratore sia assente per più giorni, ma anche per evitare di perdere a scadenza i giorni di permesso a disposizione, decurtando poi i giorni di ferie disponibili.

In qualità di esperti di Lavoro e Diritti del team Proiezionidiborsa, vi consigliamo, qualora il lavoratore decidesse di accumulare le ore di permesso per raggiungere una giornata di ferie, di accordarsi preventivamente con il datore di lavoro.

 

Approfondimento

Art Bonus: il bonus per chi sostiene l’arte

Consigliati per te