Mai più calcare e incrostazioni su rubinetti, doccia e water con questi 4 trucchetti geniali

Non risparmia nessuna abitazione. Che sia nuova o che abbia diversi anni, prima o poi la nostra casa presenterà questo fastidioso problema.
Nulla di grave, se ci si appresta ad eliminarlo. Stiamo parlando del calcare. Quest’ultimo è causato dalla durezza dell’acqua, ovvero dal valore di calcio e magnesio presenti in essa. Più ci troviamo in presenza di un’acqua dura e più si forma il famoso calcare che, inevitabilmente, rende opaca la rubinetteria del bagno e della cucina.
Del calcare e dei suoi rimedi ne avevamo già parlato. Ad esempio, non tutti sanno che basta questo semplicissimo alimento economico, conosciutissimo e molto amato per togliere il calcare.

Quest’oggi, la Redazione non vuole proporre solo 1 metodo ma ben 4 formidabili rimedi della nonna che risultano tra i più gettonati e apprezzati al momento sul web.

Mai più calcare e incrostazioni su rubinetti, doccia e water con questi 4 trucchetti geniali

Sono 4 i metodi fai da te che stanno spopolando in internet ormai da qualche tempo.
Innanzitutto, è opportuno sottolineare che prima di mettersi all’opera è sempre meglio valutare il materiale dei rubinetti, per evitare di rovinarli, e l’intensità di sporco da pulire.

Successivamente, possiamo procedere scegliendo tra questi 4 rimedi furbi, decisamente efficaci e molto economici.

Partiamo con la soluzione più classica. Un “evergreen” che non possa mai di moda e che è ancora sulla vetta dei trucchetti più utilizzati. Stiamo parlando del limone. Per eliminare il calcare e recuperare la brillantezza della rubinetteria e più in generale del bagno o della cucina, ecco che viene in nostro aiuto il limone. Famoso per le sue doti disincrostanti, il limone è uno dei nemici più comuni del calcare. Basterà versare il succo di un limone su una spugna e strofinarla con delicatezza sui rubinetti. A questo metodo comune, però, alcuni aggiungono un po’ di bicarbonato di sodio per aumentare l’azione sgrassante e disincrostante del limone. Infatti, in questo modo, si sprigiona la capacità abrasiva del bicarbonato che farà sparire il calcare in un batter d’occhio.

Al secondo posto degli anticalcari naturali più amati troviamo l’aceto. Pulisce, lucida ed allontana i residui di calcare che incrostano il bagno o la cucina. Anche in questo caso, basterà versare l’aceto su una spugna e strofinarla sui rubinetti. Inoltre, quando il calcare è abbondante anche dentro l’imbocco del rubinetto, tanto da ostacolare la fuoriuscita dell’acqua, un trucchetto furbo è quello di chiudere l’imbocco del rubinetto con un batuffolo di cotone imbevuto di aceto. Avvolgere, poi, il rubinetto con una pellicola trasparente e lasciare in posa per circa 30 minuti.

Rimedi meno comuni ma efficaci

In pochissimi conoscono, invece, il trucchetto del sacchetto di plastica. Un metodo che sta prendendo piede negli ultimi anni.
In un sacchetto per alimenti adatto al freezer, versare una miscela di bicarbonato e aceto e mescolare. Legare con uno spago il sacchetto sul corpo del rubinetto. Dopo 2 ore di posa, togliere il sacchetto e strofinare delicatamente la superficie con uno spazzolino. Asciugare con un panno umido e il rubinetto apparirà come nuovo.

Infine, una tecnica eccezionale e decisamente singolare è quella del pomodoro. Sono in molti, infatti, a giurare che un pomodoro tagliato in due parti e strofinato sulla superficie da trattare sia un toccasana per lucidare la rubinetteria e dire addio al calcare. Dunque, ecco come non avere mai più calcare e incrostazioni su rubinetti, doccia e water con questi 4 trucchetti geniali.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te