Ma è vero che una castagna in tasca può prevenire il raffreddore?

Ma è vero che una castagna in tasca può prevenire il raffreddore?

Sta arrivando finalmente la stagione delle castagne. E molti di noi non vedevano proprio l’ora. Questo cibo è davvero paradisiaco. Noi di Proiezionidiborsa vi avevamo già parlato di questo alimento. In questo articolo, infatti, potrai trovare delle informazioni molto utili. Si tratta di una guida su come riconoscere le castagne buone da quelle che potrebbero intossicarci! Ma, tornando a noi, oggi vogliamo presentarvi un altro aspetto di questo frutto. Si tratta di un’antichissima leggenda che molti di voi sicuramente già conosceranno. Perciò, andiamo a vederla più nel dettaglio.

Ma è vero che una castagna in tasca può prevenire il raffreddore?

C’è un mito popolare molto famoso che riguarda proprio le castagne. Si tratta di una leggenda in cui molti credono. La storia consiste in un consiglio ben preciso. E, bada bene, non sono in pochi a seguirlo!

Pare che, per evitare di prendere il raffreddore, alcuni conservino nella propria tasca proprio una castagna. Attenzione, però. Non stiamo parlando del frutto del castagno. In questo caso, nella tasca andrebbe messa la castagna dell’ippocastano! L’idea nasce dal fatto che in passato si davano le castagne ai cavalli per curare raffreddore e asma. Quando ci si accorse che gli animali ne traevano sollievo, anche gli uomini hanno iniziato a consumarne in grandi quantità.

Ma è vero che una castagna in tasca può prevenire il raffreddore?

Ecco la risposta

Purtroppo, non c’è una risposta scientifica a tutto ciò. In molti, infatti, sostengono che questa tecnica funzioni. Altri invece sono molto più che scettici. Si tratta di una tradizione popolare. E questa leggenda è stata tramandata di generazione in generazione.

Perciò, se vuoi, potresti provare a testarla anche tu. Sarebbe interessante vedere che tipo di effetto potrebbe avere su di te! In fondo, tentar non nuoce. E, diciamocelo, che male potrà mai fare una castagna nella tasca?

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te