L’INPS garantisce fino a 1.800 euro di contributo mensile per l’assistenza a disabili e invalidi

Il team di Redazione informa i Lettori che l’INPS garantisce fino a 1.800 euro di contributo mensile per l’assistenza a disabili e invalidi. Quando il volume delle spese da destinare alla cura di anziani e inabili aumenta considerevolmente il contribuente ha diritto a richiedere sussidi economici. Anche chi in famiglia si prende cura del soggetto non più autonomo può beneficiare di alcune agevolazioni e permessi lavorativi. Si legga ad esempio l’articolo “Fino a 100 euro al giorno di assegno INPS per chi assiste invalidi e anziani con la Legge 104”.

I costi per l’assistenza quotidiana a familiari non più autosufficienti possono superare di molto l’importo dell’eventuale pensione di invalidità che si percepisce. In tal caso sono i parenti stessi a sobbarcarsi l’onere dei pagamenti quando è necessaria la presenza di addetti alla cura e personale specializzato. L’INPS garantisce fino a 1.800 euro di contributo mensile per l’assistenza a disabili e invalidi ai contribuenti che fronteggiano spese così elevate. L’importo del contributo varia in riferimento al reddito ISEE del richiedente e alla gravità della patologia di cui soffre. L’INPS erogherà la somma spettante per 36 mesi fino al 30 giugno 2022 ai contribuenti che rientreranno nella graduatoria dei soggetti che risultano idonei.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

L’INPS garantisce fino a 1.800 euro di contributo mensile per l’assistenza a disabili e invalidi

Il contributo INPS interviene a sostegno del ricovero per lungo tempo in strutture e residenza sanitarie che prestano assistenza e cure specializzate. Fra i beneficiari della misura assistenziale rientrano i dipendenti e i pensionati della Gestione dipendenti pubblici e del Fondo IPOST. Per ottenere il sussidio occorre partecipare al bando Long Term Care 2020 che aiuta a sostenere i costi delle rette presso strutture sociosanitarie. È possibile inviare la domanda entro il 31 gennaio 2022 e ottenere così l’ammissione alla graduatoria dei soggetti in possesso dei requisiti. Occorre inviare la domanda al sito ufficiale dell’INPS o rivolgersi al Patronato e allegare la documentazione ISEE e la certificazione dell’invalidità. L’importo massimo che l’INPS eroga corrisponde a 1.800 euro e non potrà essere più elevato della retta che il contribuente versa alla struttura sanitaria presso cui è degente.

Consigliati per te