blank

L’INAIL riconosce un assegno alle casalinghe di 300 euro in questi casi

Quello della casalinga per molti si configura come un vero e proprio impegno quotidiano pari all’attività lavorativa. È per tale ragione che esiste un premio assicurativo INAIL che le persone che si occupano della cura di casa e famiglia devono sostenere. Tale premio riconosce in molti casi importanti diritti agli assicurati che spesso si traducono in notevoli forme di tutela. L’INAIL riconosce un assegno alle casalinghe di 300 euro in questi casi che di seguito gli esperti di ProiezionidiBorsa illustrano.

Le tutele garantite

Grazie alla prestazione assicurativa che l’INAIL mette a disposizione contro gli infortuni domestici, gli assicurati possono ricevere moltissime forme di tutela. A tal proposito, ricordiamo che il pagamento del premio è obbligatorio per alcuni contribuenti. Nel 2021 esso ha un importo pari a 24 euro annui e gli iscritti avranno tempo fino al 1 febbraio per corrispondere l’intera quota. Ebbene, in tale cornice possiamo dunque capire quando l’INAIL riconosce un assegno alle casalinghe di 300 euro. Nella generalità dei casi, come precisa l’Ente, ciò che è oggetto di assicurazione sono gli infortuni domestici che avvengono nella propria abitazione. In circostanze simili, è possibile che l’assicurato riceva un’indennizzo da parte dell’INAIL qualora si verifichi un incidente invalidante.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Come ricevere l’assegno di 300 euro dall’INAIL

All’interno della propria casa sono diverse e molteplici le occasioni in cui si possono verificare degli infortuni domestici. L’INAIL considera tali anche quelli che interessano le attività “fai da te” o che coinvolgono la presenza dei propri animali domestici. Laddove l’incidente in questione causi una inabilità permanente all’assicurato compresa tra il 6% e il 15%, questi ha diritto ad una prestazione una tantum. Difatti l’INAIL riconosce un assegno alle casalinghe di 300 euro in questi casi. L’erogazione di tale indennizzo avviene in osservanza dell’art. n. 102 del testo unico sugli infortuni professionali n. 1124/65. Tale quota, inoltre, può subire dei ricalcoli e delle rivalutazioni annuali. Ecco dunque, quando è possibile che gli assicurati ricevano una tutela economica per infortunio domestico poco grave.

Approfondimento

Che differenza c’è tra infortunio e malattia ai fini INPS e INAIL

Consigliati per te