La reazione dell’euro non si è fatta attendere ma settimana prossima sarà decisiva nella battaglia in corso col dollaro

Dopo che settimana scorsa scrivevamo Per l’euro si avvicina il giorno del giudizio nei confronti del dollaro: o parte verso area 1.3 oppure si torna verso la parità, la reazione dell’euro non si è fatta attendere ma settimana prossima sarà decisiva nella battaglia in corso col dollaro.

D’altra parte ci sono indizi che il dollaro abbia ormai esaurito le frecce al suo arco per continuare a rafforzarsi. Il fatto che non riesca ad apprezzarsi ulteriormente di fronte a segnali indubbiamente forti che l’economia degli Stati Uniti sta accelerando rafforza lo scenario che in questo frangente la maggior parte delle notizie positive per il biglietto verde, e principalmente dal fronte macro degli Stati Uniti, è già stata presa in considerazione.

La reazione dell’euro non si è fatta attendere ma settimana prossima sarà decisiva nella battaglia in corso col dollaro; Le indicazioni dell’analisi grafica

Il 9 aprile la chiusura del cambio  euro dollaro (FXEURUSD) è stata a 1,1902 in ribasso dello 0,11% rispetto alla seduta  precedente. La settimana, invece, si è conclusa con un rialzo dell’1,22%.

Tralasciando per il momento quanto sta accadendo sul time frame mensile, aprile è solo all’inizio, concentriamoci sul time frame settimanale.

Come si vede dal grafico, le quotazioni dell’euro nei confronti del dollaro sono rimbalzate scongiurando per il momento una continuazione del ribasso. Tuttavia, la forte reazione non è riuscita a scongiurare del tutto il pericolo di ulteriori affondi ribassisti.

Il rialzo, infatti, si è fermato sotto l’importante resistenza in area 1,1936. Solo una chiusura settimanale superiore a questo livello farebbe scattare l’inversione rialzista con possibili ritorni in area 1,3.

Seguire, quindi, con attenzione l’evoluzione dei prezzi durante la prossima settimana.

Time frame settimanale

euro dollaro

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

euro dollaro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te