La pianta migliore da coltivare in ottobre per vivaci fioriture primaverili è perfetta anche per i meno esperti

Orto e giardinaggio non sono attività da limitare alla bella stagione. Ci sono, però, calendari specifici da rispettare. Durante i mesi autunnali, ad esempio, si preparano i bulbi che daranno fiori in primavera. Abbiamo visto che chi coltiva a ottobre questo albero avrà garantite splendide e abbondanti fioriture in primavera.

Quest’oggi, ci concentreremo su un’altra pianta: la calendula (Calendula officinalis), una erbacea perenne per lo più nota per le sue proprietà officinali. In realtà, la calendula si presta anche per scopi puramente decorativi ed ornamentali ed è davvero molto semplice da mettere a dimora e da curare.

Infatti, la pianta migliore da coltivare in ottobre per vivaci fioriture primaverili è perfetta anche per i meno esperti.

La calendula produce numerosissimi fiori simili alle margherite nella forma e dai colori sgargianti giallo-arancione. Dal delicato profumo che ricorda il limone, questi fiorellini sono anche commestibili, perfetti ad esempio nell’insalata, oppure, una volta essiccati, per aromatizzare infusi, decotti e tisane.

Come accennato, la calendula è una pianta annuale che si autosemina molto facilmente. Vediamo quindi come procedere per la messa a dimora.

La pianta migliore da coltivare in ottobre per vivaci fioriture primaverili è perfetta anche per i meno esperti

Bisogna eseguire la semina entro la metà di ottobre oppure tra marzo e aprile. La calendula si adatta con facilità a tutti i tipi di terreno; tuttavia, predilige quelli leggeri e sciolti e che non creano ristagni idrici. Una volta sparsi i semini, vanno ricoperti con uno strato di terra sottile. Effettuare quindi  una annaffiatura leggera.

Quando, poi, le piantine saranno germogliate, diradarle lasciandone circa 6-8 per ogni metro quadrato. Possiamo seminare la calendula anche in vaso. L’importante è utilizzare contenitori abbastanza grandi e con una profondità di 20 cm almeno.

Prima di procedere con la semina si consiglia di arricchire il terreno con del compost.

Esposizione, irrigazione e concimazione

Le piante di calendula amano la luce, e per questo vanno collocate in pieno sole o a mezz’ombra. Scegliere una posizione con un buon ricircolo di aria.

Vanno annaffiate regolarmente ma senza esagerare. Attendere sempre che il terreno sia ben asciutto ed evitare assolutamente i ristagni di acqua. Fare, inoltre, sempre attenzione a non bagnare né le foglie né i fiori.

Durante il periodo della fioritura, effettuare regolari concimazioni (ogni 10-15 giorni) con prodotti specifici per piante da fiore. Evitare di esagerare con l’azoto, sostanza che favorisce lo sviluppo delle foglie a scapito dei fiori.

Consiglio finale

Quando la prossima primavera avremo i nostri bellissimi fiorellini, giallo-arancio, non appena sfioriranno, stacchiamoli dai rami ma non buttiamoli via. Poiché i fiori producono il seme, gettiamoli piuttosto lungo i bordi dell’orto o in un altro vaso. Potrebbe essere possibile che qualche semino riesca a germinare dando così vita a nuove piante spontanee.

Approfondimento

Splendidi ciclamini colorati sempre in fiore grazie a questi semplici trucchetti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te