La pianta da coltivare per risparmiare sulle pulizie

Come ottenere gratuitamente spugne ecologiche, naturali e ipoallergeniche? Semplice, basta piantare la luffa. Ecco la pianta da coltivare per risparmiare sulle pulizie.

Come coltivare la luffa sul balcone o nell’orto

La luffa è una pianta rampicante, molto simile a una zucca. Appartiene, infatti, alla famiglia delle cucurbitacee. Il frutto che produce, però, assomiglia più che altro a una zucchina. Proprio come le zucchine, i frutti della luffa sono commestibili. Il sapore, però, è piuttosto amaro. Non è dunque per mangiarla che si coltiva la luffa. Piuttosto, la si pianta per una caratteristica molto particolare: se ne ricavano delle spugne vegetali. Queste sono ottime sia per la cura del corpo, che per quella della casa. La luffa è dunque la pianta da coltivare per risparmiare sulle pulizie!

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Le spugne vegetali si possono trovare anche in commercio, ma chi ha il pollice verde può cimentarsi nell’auto-produzione. La buona notizia è che non serve necessariamente un orto: la luffa può crescere anche sul balcone. In questo caso, è necessario un vaso di almeno 30 cm di diametro e 40 cm di profondità. Nell’orto, invece, le piante di luffa vanno tenute ad almeno mezzo metro di distanza le une dalle altre. In entrambi i casi, bisogna assicurarsi che la pianta abbia un sostegno su cui arrampicarsi. La semina avviene a inizio primavera.

Come ricavare la spugna di luffa a partire dai frutti

Una volta che la pianta ha dato frutti, come trasformarli in pratiche spugne gratuite? Basta seguire questi passaggi:

a) raccogliere i frutti quando la buccia diventa marrone (dopo circa 5-6 mesi dalla semina);

b) lasciarli seccare per un paio di giorni in un luogo fresco e asciutto;

c) tagliare il picciolo;

d) scuotere il frutto per rimuovere i semi (possono essere conservati per piantarli);

e) sbucciare la luffa;

f) mettere le spugne in ammollo in acqua tiepida e bicarbonato di sodio per circa dodici ore (per eliminare le impurità e sbiancarle);

g) tagliare il frutto in modo da ottenere delle fette di circa 2-3 cm di spessore.

Le spugne naturali sono pronte per essere utilizzate!

 

Approfondimento 

Quanto risparmio con i detersivi fai-da-te della nonna

Consigliati per te