Iren ottiene finanziamento da CEB da 80 milioni di euro

Nuove risorse finanziarie disponibili per Iren che vanno a rafforzare il profilo finanziario dell’azienda proprio in un momento di tensione dei mercati. La Banca di Sviluppo del Consiglio d’Europa (CEB) ha messo a disposizione dell’utility un finanziamento del tipo Public Finance Facility (PFF) per un ammontare di 80 milioni di euro. Il prestito potrà essere utilizzato in più tranche con una durata fino a 16 anni.

Obiettivo: migliorare la qualità del servizio

Le risorse finanziarie ottenute serviranno per sviluppare progetti sostenibili relativi alla rete idrica con l’obiettivo di migliorare la qualità del servizio. Verranno utilizzate anche per la costruzione di impianti di trattamento delle acque nella Regione Liguria e per la riduzione delle perdite di rete nelle province di Genova e Parma. In quanto a riduzione delle perdite Iren (MIL:IRE) riporta valori migliori rispetto alla media nazionale, ricorda l’Amministratore Delegato Massimiliano Bianco.

Il piano di investimenti nelle infrastrutture idriche di Iren si riferisce ad un’area di circa 1,1 milioni di abitanti e 75 Comuni. A 290 milioni di euro ammonta l’investimento totale previsto nel periodo 2019-2021, di cui il 28% coperto dal prestito erogato dalla CEB.

Nel rispetto delle Direttive europee si andranno a sostituire le resti obsolete, per il rinnovo al fine di garantire la continuità del servizio e per la costruzione di nuove infrastrutture. Obiettivo: assicurare un servizio efficiente e sostenibile.

CEB ed Iren insieme nella lotta al cambiamento climatico

CEB, così come Iren, è ben disposta a supportare azioni di contrasto al cambiamento climatico. La promozione di una gestione sostenibile delle risorse idriche rientra perfettamente nelle priorità strategiche della CEB. CEB che persegue gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) definiti dall’ONU, quali SDG 6 (Acqua pulita) e SDG 13 (Azioni di contrasto al cambiamento climatico). Nel proprio business plan Iren ha allocato 1 miliardo di euro nel settore idrico, considerando tali investimenti pilastri strategici alla base della crescita futura.

Soddisfatto il Vicegovernatore di CEB Carlo Monticelli secondo il quale “assicurare a tutti i cittadini la disponibilità del bene primario dell’acqua in modo efficiente, pulito e con minimo impatto ambientale è uno degli obiettivi che la CEB persegue con costanza e determinazione”.

Approfondimento sul titolo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te