I permessi Legge 104 raddoppiano a 6 giorni al mese in questi casi

Quando si pone l’obbligo di assistere un familiare disabile o la disabilità riguarda il lavoratore, è possibile fruire dei permessi lavorativi Legge 104. Sebbene la normativa preveda la consueta concessione di 3 giorni al mese di permessi, in alcuni casi è possibile raddoppiare le assenze giustificate da lavoro. Il Team di Esperti di ProiezionidiBorsa vi spiega quando e perché l’incremento dei giorni è applicabile al lavoratore che ne faccia richiesta.

Come funziona l’assegnazione dei permessi mensili

Immaginiamo il caso di un lavoratore che versi nella necessità di dover prestare assistenza a più familiari disabili. I permessi Legge 104 raddoppiano a 6 giorni al mese in questi casi. Che significa? Secondo quanto prevede la normativa che regolamenta i permessi Legge 104/92, art. 3, comma 3: se i familiari necessitano di assistenza in maniera disgiunta, allora è possibile richiedere i permessi per l’assistenza ad entrambi. In questo caso, i giorni mensili a cui il lavoratore avrebbe diritto raddoppierebbero a sei, ossia 3 per ciascun familiare. Come abbiamo specificato in altri articoli, il lavoratore può anche frammentare il permesso chiedendo da 1 a 2 ore giornaliere per l’assistenza al familiare. In questo caso, il numero di giorni a cui è possibile applicare la riduzione oraria cambia in base al contratto e alle ore di lavoro.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

I permessi Legge 104 raddoppiano a 6 giorni al mese in questi casi

Come abbiamo inizialmente detto, i permessi legge 104 raddoppiano a 6 giorni al mese in questi casi che prevedono l’assistenza a due familiari. A tal riguardo possiamo dire che, secondo la normativa, il datore di lavoro deve regolarmente retribuire i permessi mensili complessivi. Inoltre, una nota d’accento la dobbiamo porre proprio sui familiari per i quali si fa richiesta. Secondo quanto stabilisce la legge: la possibilità di raddoppiare i permessi è vincolata alla richiesta relativa a familiari differenti. Questo perché si deve dimostrare la necessaria presenza del lavoratore in situazioni distinte che coinvolgono i due familiari. Questo è quanto ha precedentemente chiarito anche la circolare INPS n. 32/2012.

Nel caso in cui entrambi i genitori versino un condizione di grave handicap è possibile ottenere 6 giorni di permessi mensili? La risposta a questo interrogativo può essere affermativa in base alla situazione. Infatti, come abbiamo detto, una delle condizioni vincolanti la concessione dei 3 giorni di permessi per ciascun familiare prevede l’assistenza necessaria disgiunta. L’assistenza a ciascuno, pertanto, deve necessariamente richiedere tempi differenti e non sovrapponibili. Se tale vincolo non è presente, è possibile che al lavoratore l’INPS non riconosca la doppia richiesta. Inoltre, è bene sapere che i casi di cumulo dei permessi sono ammissibili se l’assistenza si rivolge a questi familiari: coniuge, parenti affini entro il 1° grado e fino al 2°, o partner/coniuge over 65 o affetto da patologia fortemente invalidante. Il lavoratore che intenda beneficiare di tali permessi, deve inoltrare una domanda all’INPS allegando la documentazione relativa a ciascun familiare. Alla richiesta si aggiunge una dichiarazione di responsabilità certificante il bisogno di assistenza disgiunta.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Approfondimento

I permessi Legge 104 vanno giustificati al datore di lavoro?

Consigliati per te