I certificates possono essere l’investimento del 2020? Una guida per capirlo

Il 2019 è stato un anno in fortissima crescita per i certificates. In questo articolo vogliamo capire: i certificates possono essere l’investimento del 2020? Una guida per capirlo la troveremo nelle prossime righe grazie all’analisi degli esperti di Proiezionidiborsa. I principali emittenti hanno vantato collocamenti superiori ai 17 miliardi di euro, con un aumento del 55% rispetto al 2018. Il mercato dei certificates sta aumentando ulteriormente la raccolta nonostante un 2020 fortemente incerto a causa della crisi covid-19. I principali collocamenti nei primi mesi del 2020 sono stati, secondo Mediobanca, prodotti a capitale protetto e condizionatamente protetto.

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Cosa sono i certificates?

I certificates sono strumenti emessi da un soggetto specializzato in grado di replicare l’andamento di un indice, di una o più valute o commodity. E di individuare possibilità di guadagno all’interno di questi contesti. Hanno diverse denominazioni a seconda della loro struttura. I certificates a capitale protetto sono di fatto un’obbligazione zero coupon che permette un guadagno sull’andamento di una determinata attività sottostante. La capacità di rimborso dell’emittente è il rischio ad essi connesso. I certificates a capitale condizionatamente protetto aggiungono un ulteriore fattore di rischio. Solo al verificarsi di una determinata variabile otterremo il rimborso del capitale per intero. Ovviamente questi prodotti contemplano un potenziale di guadagno in più rispetto ai cugini a capitale protetto. Recentemente abbiamo trattato un’altra possibilità di investimento innovativa e in forte ascesa: il bitcoin

I Certificates possono essere l’investimento del 2020? Una guida per capirlo

Pochi anni fa, Bot-People era il termine con cui si definivano gli italiani. I risparmi delle famiglie, infatti, contavano titoli di Stato, buoni postali e obbligazioni. I più spericolati frequentavano i” borsini delle banche “alla ricerca di titoli da cassettista. Perché allora i certificates possono essere l’investimento del 2020? Il motivo principale di questo trend è la capacità di soddisfare gli obiettivi di rendimento degli investitori sia quando i mercati guadagnano sia quando perdono. Un aspetto gradito agli italiani è la possibilità di sottoscrivere strumenti con cedola. Essi replicano la struttura obbligazionaria ma, ad oggi, con rendimenti potenzialmente ben superiori. Un ulteriore vantaggio lo troviamo nella possibilità di non pagare le tasse sui guadagni nel caso in cui in passato si siano verificate delle perdite. Sono comunque strumenti derivati che presentano alcune complessità ed elevati rischi. Vi consigliamo di documentarvi sempre approfonditamente, magari con l’aiuto di un professionista.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te