I 3 comunissimi errori di concimazione che fanno morire alcune delle più belle piante della casa e del giardino

Una corretta concimazione è fondamentale per fare crescere sani fiori, piante, ortaggi, ecc. Può sembrare semplice ma non bisogna sottovalutarla. Se viene fatta in modo errato, i suoi effetti possono essere molto dannosi. Ecco i 3 comunissimi errori di concimazione che fanno morire alcune delle più belle piante della casa e del giardino.

I pro e i contro di uno dei più usati concimi per fiori e piante

Curare le piante può apparire facile, ma non lo è. Ci sono errori che se commessi possono portare alla loro morte. Una dei più classici è quello di utilizzare dei sistemi di concimazione che si credono universalmente validi ma non lo sono. Uno dei più conosciuti dalla notte dei tempi è quello della cenere come fertilizzante.  La cenere ottenuta dalla combustione del legno è utilizzatissima da chi ha giardini o piccoli orti per concimare piante, ortaggi, fiori. I suoi vantaggi sono innumerevoli. È un concime a basso costo e fornisce al terreno fosforo e potassio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Ma oltre ai pro ha anche dei contro. Solo un tipo di cenere fa bene al terreno, è un fertilizzante incompleto e non va bene per alcune piante.  Ecco come evitare i 3 comunissimi errori di concimazione che fanno morire alcune delle più belle piante della casa e del giardino.

Se si usa la cenere come fertilizzante, attenzione a non commettere questi sbagli

Non tutti i residui di combustibile da legno vanno bene per concimare. Prima di tutto il legno deve essere vergine, quindi non si può usare cenere di legna trattata precedentemente con sostanze tossiche o inquinanti. Può essere ricavato dal carbone della legna, la cosiddetta carbonella, ma la cenere di carbon fossile non va assolutamente bene. Infatti questa sostanza è altamente tossica e se usata farebbe morire piante e fiori che ne fossero concimate.

Altro limite della cenere come concime è quello di essere incompleto. La concimazione con questo prodotto deve essere abbinata ad altri fertilizzanti per fare crescere piante, ortaggi e fiori, forti e rigogliosi. Infatti, sappiano che la cenere è ricca di fosforo e potassio, due elementi fondamentali per le piante. Ma queste hanno bisogno anche dell’azoto, elemento che è determinante per la crescita dei vegetali. Peccato che il carbone ne sia mancante, perché viene bruciato nel processo di combustione.

Un terzo errore è quello di utilizzare la cenere per concimare indifferentemente tutte le piante e i fiori. Con la cenere si devono concimare piante che hanno necessità di fosforo e potassio per crescere. Lo si può utilizzare per siepi, alberi, ortaggi. Ma non lo si deve utilizzare con le piante acidofile, cioè che prediligono i terreni acidi. Come le ortensie, le orchidee, le azalee, le camelie e i rododendri. Il rischio è che muoiano.

Consigliati per te