Gli ortaggi da piantare a ottobre, anche in balcone

L’inizio dell’autunno non è un periodo morto per quanto riguarda il giardinaggio. Anzi! Se hai il pollice verde, non rinunciare alla tua passione con l’avvento delle prime nebbie. Ecco gli ortaggi da piantare a ottobre, anche in balcone. Non è infatti necessario avere un orto per godere dei frutti della terra.

Una premessa: se vuoi sfruttare balconi e terrazzi, ti conviene scegliere ortaggi di piccole dimensioni. Una buona regola generale è optare per piantine non più alte di 50 cm. La dimensione ideale del vaso per una pianta di questo tipo sono 30 cm. La buona notizia è che esistono verdure piccole di statura ma giganti in quanto a valore nutritivo! Crescono anche molto velocemente, in modo che tu possa raccoglierle prima del gelo. Puoi dunque sfruttarle per preparare gustose insalate invernali! Pronto a sporcarti le mani? Scopri quali sono gli ortaggi da piantare a ottobre, anche in balcone.

Semina il ravanello e sarai sano per tutto l’inverno

Se vuoi seminare il ravanello, conviene che tu ti metta subito all’opera. Infatti, le prime due settimane di ottobre sono le più indicate. Ti basterà scavare dei solchi profondi appena qualche centimetro, distribuirvi i semi, ricoprirli col terriccio e annaffiare ogni giorno. Attenzione a strappare le erbacce e ricoprire le radici se dovessero spuntare dalla terra. Dovresti poter assaggiare i primi ravanelli nel giro di un mese!

Seminare i ravanelli è anche un investimento per restare in salute durante l’inverno. Contengono infatti la vitamina C, che ci aiuta a resistere ai malanni di stagione (clicca qui per scoprirne un altro beneficio poco conosciuto). Sono inoltre ricchi di ferro, fosforo, calcio e vitamina B. Se usati per preparare decotti o infusi, infine, fungono da ottimo sedativo della tosse.

Rucola e spinaci: minimo sforzo, massima resa

Se sei alla ricerca di una piantina che ti dia soddisfazione immediata, prova con la rucola. Dopo appena due settimane dalla semina potrai già gustarla! Spargi i semi di rucola sul terreno, poi mantienilo costantemente umido. La rucola sarà pronta per essere gustata quando raggiungerà i 10 cm. Ma attenzione: non estirpare la piantina, limitati a tagliare le foglie qualche centimetro sopra il suolo. In questo modo permetterai alla tua rucola di rigenerarsi. Continuerai così ad avere nuovi raccolti per tutto l’inverno!

Stesso discorso vale per lo spinacio. Anche in questo caso puoi spargere i semi, ma dovrai aspettare circa due mesi per gustare i tuoi spinaci. Se fai attenzione a raccogliere solo le foglie esterne, potrai ottenere numerosi raccolti dalla stessa pianta.

Spazio alle insalate

Non ti piacciono né gli spinaci né la rucola? Puoi provare a piantare altre insalate, come la lattuga, l’indivia, la scarola, la cicoria o la valerianella. Oppure, cimentati con questi ortaggi:

a) cime di rapa;

b) rape;

c) barbabietole;

d) broccoletti;

e) bietole.

Sei ingolosito? Fuori rastrelli e innaffiatoi, è il momento di mettersi all’opera!

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te