Ecco il metodo più sicuro per evitare di portare a casa le cimici dei letti che trasformano il ritorno dalle vacanze in un incubo

Tutti sappiamo che le cimici dei letti sono un nemico che potrebbe essere in agguato in ogni camera di albergo, in ogni bed&breakfast, in ogni ostello. Ma spesso non ci rendiamo conto del lato peggiore di questi odiosissimi insetti: sono molto difficili da eliminare.
Se la nostra casa viene infestata, quasi sicuramente non riusciremo ad eliminare gli intrusi da soli, e dovremo rivolgerci a dei professionisti, con conseguente grande perdita di tempo e di denaro.

In questo caso prevenire è certamente meglio che curare. Ma come fare per lasciare gli odiosi succiasangue alla porta?
Ecco il metodo più sicuro per evitare di portare a casa le cimici dei letti che trasformano il ritorno dalle vacanze in un incubo.

Le valigie sempre lontane dal letto

La prima regola è quella di minimizzare il rischio che i nostri vestiti o i nostri oggetti vengano colonizzati. Mai lasciare la nostra valigia sotto il letto, mai lasciare il pigiama sotto il cuscino. Cerchiamo di posizionare tutti i nostri averi lontani dal letto.

Ma se abbiamo il timore di aver dormito in un posto infestato, come possiamo assicurarci che le cimici non tornino a casa con noi?
Ecco il metodo più sicuro per evitare di portare a casa le cimici dei letti che trasformano il ritorno dalle vacanze in un incubo.

Mettiamo i nostri oggetti in quarantena

Il primo e più importante consiglio è di non contaminare la casa con gli oggetti e i vestiti che abbiamo portato in vacanza. Lasciamo la valigia fuori dalla porta, avvolta in un sacco nero per almeno due giorni. Se abbiamo degli oggetti necessari che dobbiamo utilizzare subito, prendiamoli dalla valigia prima di entrare in casa, e cerchiamo di utilizzarli nel posto più lontano dal letto. In cantina, ad esempio. Trascorsi i due giorni di quarantena, laviamo immediatamente tutti i vestiti contenuti in valigia, anche quelli puliti. Gli oggetti che non possono essere lavati dovranno subire un’altra quarantena in un sacco nero per almeno una settimana. Elimineremo finalmente quegli odiosi parassiti.

Ma le cimici dei letti non sono i soli parassiti di cui dobbiamo preoccuparci, ci sono dei piccoli acari che vivono sulla faccia di ognuno di noi senza che ce ne accorgiamo, ecco un approfondimento.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te