Ecco cosa si rischia se si paga in contanti: multe salatissime ma non solo

Ecco cosa si rischia se si paga in contanti: multe salatissime ma non solo.

Oggi pagare in contanti diventa sempre più rischioso. Tra esattamente 20 giorni scatteranno le nuove regole per i pagamenti in contanti.

Infatti, dal 1°luglio 2020 al 31 dicembre 2021 sarà possibile pagare con contanti entro il limite della soglia dei 2.000 euro. Tutto quello che andrà oltre queste cifre dovrà essere pagato con uno strumento tracciabile. Ossia con un bonifico bancario o postale, un assegno, una carta di credito Bancomat o prepagata.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

Oggi, è ancora possibile  pagare in contanti entro la soglia dei 3.000 euro.

Tuttavia, come anticipato in un altro articolo (clicca qui se vuoi leggerlo) la normativa potrebbe ulteriormente cambiare.

E’ stato presentato un emendamento alla Camera che se dovesse essere approvato cambierebbe di nuovo le carte in tavola.

Pertanto, non ci resta che aspettare e vedere cosa succede.

Ma nel frattempo, cerchiamo di capire cosa si rischia a pagare in contanti non rispettando la normativa sull’antiriciclaggio. Solo multe salatissime o anche altro?

Ecco cosa si rischia se si paga in contanti: multe salatissime ma non solo

La legge prevede per chi paga in contanti e viola la soglia dei 2.000 euro dal 1°luglio 2020 al 31 dicembre 2021 multe salatissime.

Le sanzioni amministrative comminate alla violazione consistono nel pagamento di multe che vanno da un minimo di 2.000 euro a un massimo di 50.000 euro.

Sanzioni elevate sia nei confronti chi ha pagato in contanti sia di chi ha ricevuto il pagamento.

Pertanto, attenzione a rispettare le norme.

Assenza di prova

Pagare in contanti implica dei rischi, non c’è alcun dubbio.

Se si supera la soglia stabilita per la legge per i pagamenti in contanti oltre a rischiare multe salatissime si corrono altri pericoli.

Si pensi a chi, dopo aver ricevuto un pagamento in contanti privo di tracciabilità, richiede di nuovo il pagamento.

Sul piano probatorio un pagamento tracciato da maggiore sicurezza perchè documentato.

Detrazioni fiscali

Inoltre, chi paga in contanti determinate spese per le quali è prevista la detrazione fiscale se tracciate, rinuncia a risparmiare sulle tasse.

La legge, infatti, stabilisce che per alcune spese  il cui pagamento avviene con mezzi tracciabili è possibile risparmiare sulle tasse.

Approfondimento

Divieto di pagamento in contanti oltre 1999 euro da luglio, la norma potrebbe saltare

Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.