Cosa succederebbe durante l’infarto alla pressione cardiaca, al battito e ai nervi

È necessario prendersi cura del nostro cuore attraverso le abitudini quotidiane che dovrebbero essere sempre mirate alla tutela dell’organismo. Una dieta mediterranea equilibrata accompagnata da esercizi fisici da fare tutti i giorni o da una camminata prima di colazione possono aiutarci a raggiungere questo obiettivo.

Il cuore potrebbe soffrire facilmente e non avvisarci quando ci sono problemi seri che ne minano il funzionamento. Ma potrebbe anche darci numerosi segnali cui dovremmo prestare attenzione.

I campanelli d’allarme possono salvarci la vita in diversi casi. Soffrire di stanchezza cronica, dolori toracici immotivati, insonnia, difficoltà respiratorie e perdita di capelli deve preoccuparci, se avviene per molto tempo. Quando sentiamo spesso le palpitazioni e le sudorazioni sono frequenti, un consulto medico potrebbe essere indispensabile.

Tenere sotto controllo ipertensione, colesterolo e trigliceridi

L’infarto del miocardio si verifica quando la necrosi di un tessuto o di un organo non permette il giusto apporto di sangue e ossigeno. La necrosi di una parte del muscolo cardiaco o le ostruzioni coronariche creano un’irrorazione difettosa da parte delle arterie.

Questo avvenimento, che sconvolge il nostro organismo, potrebbe portare una bassa pressione arteriosa, tachicardia ed estremità fredde causate proprio dalla necrosi. Ma l’infarto potrebbe dipendere anche da una pressione arteriosa molto alta che ha caratterizzato i periodi precedenti all’evento e a cui non si è provveduto con una cura adeguata.

Trattare il problema dell’ipertensione farmacologicamente, regolando lipidi nel sangue, colesterolo e trigliceridi, è la via medica che viene seguita di solito.

Sintomi a cui prestare attenzione per salvare la nostra vita

Ecco cosa succederebbe durante l’infarto, quindi, il cuore potrebbe prendere a battere con una frequenza maggiore oppure potrebbe rallentare in maniera preoccupante. Questi sono fenomeni che non dovremmo mai sottovalutare, perché da una nostra reazione potrebbe dipendere la soluzione del problema e la sopravvivenza.

La tachicardia sarebbe pericolosa quando i battiti sono più di 100 al minuto. Se il cuore batte troppo velocemente, non è più in grado di pompare il sangue in maniera efficace. Gli impulsi elettrici sarebbero alterati e le fibre muscolari smetterebbero di contrarsi come avviene solitamente.

Non appena registriamo i sintomi tipici, dovremmo ricorrere al medico curante per ottenere una diagnosi certa anche grazie alle apposite analisi strumentali.

Cosa succederebbe durante l’infarto alla pressione cardiaca, al battito e ai nervi

I nervi giocano un ruolo decisivo. Una condizione di stress prolungata andrebbe ad associarsi all’aumento della pressione arteriosa e da qui il rischio di rompere le placche aterosclerotiche diventerebbe alto. Lo stile di vita, quindi, è molto importante nella prevenzione.

Le buone pratiche quotidiane che aiutano i nervi, le attività rilassati e allenanti, come yoga e pilates, non dovrebbero mai mancare all’interno della nostra routine.

L’ansia provocherebbe la presenza eccessiva di catecolamine prodotte dal sistema nervoso. Alti livelli nel cuore di queste sostanze che sarebbero determinati dall’ansia aumenterebbero frequenza e battito cardiaco, incidendo sulla pressione sanguigna. I nostri nervi sono molto sensibili e tutte le volte che ce ne dimentichiamo mettiamo in pericolo la salute del nostro cuore.

Lettura consigliata

Proteggerebbe fegato e intestino quando mangiamo pasta o carne questa insalata da non trascurare perché utile nella prevenzione di tumori e infarto

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te