Come sollevare le guance cadenti e contrastare le rughe con questi 3 rimedi naturali a effetto lifting e alternativi al costoso filler

Una delle parti del corpo che probabilmente guardiamo di più quando ci specchiamo è il nostro viso, collo incluso. Tuttavia, non è detto che queste perlustrazioni si superi sempre a pieni voti e, infatti, durante una di queste potremmo imbatterci in qualche “seccante” novità.

A colpo d’occhio potrebbe sembrare tutto in ordine ma guardando più attentamente potremmo notare dei cambiamenti nella pelle. Potremmo scovare piccoli solchi e avvallamenti: le rughe. Poi, alcune parti potrebbero apparirci più morbide, praticamente franate verso il basso: le lassità.

Queste, spesso definite come veri e propri inestetismi, dipenderebbero da questioni genetiche o semplicemente dall’età che avanza. Nonostante ciò, una volta notate partirebbe la nostra battaglia nel tentativo di contrastarle e ritardare nuove comparse.

Modificando la skincare potremmo, per esempio, cercare di migliorare il cosiddetto collo di tacchino, una delle zone più critiche.

Insieme a questa, però, ci sarebbero le guance che, circondate da qualche rughetta, sembrerebbero irrimediabilmente attratte dalla gravità e, quindi, letteralmente “cadenti” verso il basso. Di queste parleremo proprio nell’articolo di oggi, scovando alcuni rimedi 100% naturali grazie ai quali tenere lontane le costose punturine.

Come sollevare le guance cadenti e contrastare le rughe con questi 3 rimedi naturali a effetto lifting e alternativi al costoso filler

Per evitare il filler, generalmente a base di acido ialuronico, mettendo così al sicuro anche il portafogli, avremmo a disposizione ben 3 soluzioni alternative. Queste, totalmente naturali, sarebbero un toccasana per le guance pendenti verso il basso e poco sode, ma agirebbero positivamente anche contro le rughe.

Potremmo iniziare il nostro pronto intervento con un rimedio antichissimo, tramandato dalle nonne: le spugnature con acqua ghiacciata. Il freddo gelido, infatti, sembrerebbe avere un effetto tonificante e distensivo nei confronti delle rughe. Per farle facciamo raffreddare in frigorifero dell’acqua a cui aggiungere dei cubetti di ghiaccio. Poi, immergiamo al suo interno una o più spugne e, senza strizzarle eccessivamente, appoggiamole sulle guance. Appena non avvertiamo più la sensazione di freddo, immergiamole nuovamente e ripetiamo l’operazione.

Un massaggio liftante

In associazione a questa antichissima pratica potremmo cimentarci in un semplicissimo massaggio dall’effetto lifting e rassodante.

Per farlo, potremmo utilizzare una miscela a base di olio di cocco (2 cucchiai) e olio essenziale di geranio (5 gocce), dal naturale effetto anti age. Per spalmarla dovremmo usare contemporaneamente entrambe le mani e:

  • con una dovremmo tirare la pelle dal mento verso le orecchie;
  • con l’altra dovremmo tirare la pelle dal labbro superiore verso le tempie, toccando la guancia.

Una maschera

Infine, sempre per rispondere alla domanda “come sollevare le guance cadenti e contrastare le rughe del viso”, potremmo preparare una maschera.

Per farla possiamo usare sempre l’olio di cocco (2 cucchiai) e l’olio essenziale di geranio (5 gocce), a cui aggiungeremo un cetriolo frullato, con proprietà astringenti e antiossidanti.

Una volta pronto l’impasto non dovremmo far altro che spalmarlo sulle guance, o su tutto il viso, lasciarlo in posa 15-20 minuti e poi sciacquarlo.

Lettura consigliata

Altro che frangia, è questa la pettinatura dell’estate 2022 che assottiglia il viso e sta bene con caschetti e capelli lunghi

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini dei nostri lettori nell'utilizzo degli strumenti, degli ingredienti e dei prodotti per la cura della persona. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con gli strumenti, ingredienti e prodotti normalmente utilizzati per la cura della persona e il make up. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te