Come si calcola l’imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali?

Come si calcola l’imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali? I BFP sono uno dei prodotti di punta dei risparmiatori italiani. Anche se, a giudicare dai rendimenti, tutto questo “amore” non viene poi adeguatamente remunerato (qui un’analisi dettagliata). Questi titoli ogni anno sono soggetti a due diversi tipi di tassazioni: l’imposta di bollo e la ritenuta fiscale sugli interessi (agevolata al 12,5%) Vediamo di più in merito a come si calcola l’imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali?

L’imposta di bollo: come si calcola

L’imposta di bollo riguarda tutti i BFP dal 2012. Essa si calcola al 31 dicembre di ogni anno sull’intero ammontare dei Buoni. Ora, se il valore del rimborso lordo del/i Buono/i posseduti è inferiore ai 5mila €, non si paga nulla. Se invece quel valore di rimborso lordo annuo supera i €5.000, c’è l’imposta. Essa si calcola moltiplicando l’aliquota annuale dello 0,20% per il totale nominale investito nei Buoni.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Vediamo un esempio concreto su come si calcola l’imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali? Se al 31 dicembre 2020 avremo in portafoglio €10.000 di BFP, faremo: €10.000 X 0,20% = €20. L’imposta di bollo è dovuta comunque nella misura minima di €2,00 per ogni singolo titolo posseduto. In più poi dobbiamo tenere a mente che sugli interessi lordi maturati si calcola anche la ritenuta fiscale del 12,5% (ma solo se il prodotto è emesso dopo il 24/06/1997).

Deroghe ed avvertenze varie

Considerata la storia ultradecennale del prodotto va tenuto a mente che vi sono poi tutta una serie di deroghe e specifiche varie. Vediamole.

Per i Buoni emessi in forma cartacea prima del primo gennaio del 2009, l’imposta si calcola sul valore nominale del singolo titolo.

Abbiamo detto che l’imposta si applica a partire dal 2012. Ma la sua proporzionalità è tuttavia pari allo 0,10% per il 2012, poi allo 0,15% per il 2013 ed infine dal 2014 lo 0,20% a pieno regime.

Infine occorre tenere a mente che i Buoni di tipo cartaceo emessi prima del gennaio 2009 non si sommano a eventuali altri prodotti finanziari. E quindi non rientrano nel cumulo teso a vedere se al 31/12 si superano o no i €5.000 per l’esenzione dall’imposta di bollo. Esempio: se il signor Rossi ha comprato un Buono cartaceo ante-2009 esso non si somma a uno emesso (cartaceo o dematerializzato) dal 2009 in poi. Oppure con un deposito vincolato o un fondo comune d’investimento etc.

Come si calcola l’imposta di bollo sui Buoni fruttiferi postali?

Ricordiamo infine che è la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) ad emetterli in forma esclusiva. Mentre sono le Poste che si occupano della loro vendita. Di buono – oltre al nome – hanno che godono della garanzia dello Stato e non partecipano all’eventuale bail-in. Cioè tutti quei meccanismi che entrano in gioco quando “salta in aria” una banca. L’offerta di Poste italiane è al riguardo molto ricca per quel che concerne le durate e i rendimenti. Anche se, a onor del vero, va detto come spesso la struttura dei rendimenti offerti è (molto) poco generosa. Ultimo pregio, non si pagano commissioni né in sede d’acquisto che di rimborso di tali prodotti.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.