Come raccogliere il prezzemolo per farlo ricrescere rigoglioso e più velocemente

Il prezzemolo, scientificamente Petroselinum crispum è una pianta biennale che appartiene alla famiglia delle Apiaceae. Una specie originaria delle zone mediterranee. Il prezzemolo cresce in modo spontaneo, soprattutto nei boschi e nei prati che godono di un clima temperato. Possiede una radice robusta e a fittone bianco-giallastra. La sua infiorescenza si presenta a forma di ombrello con una cinquantina di fiori piccolissimi a cinque petali. I colori variano dal bianco al giallo e in alcuni casi appaiono azzurri o violetti.

Tra le erbe aromatiche che non devono mai mancare in cucina

Il prezzemolo fa parte della schiera di erbe aromatiche che non dovrebbero mai mancare in cucina. Non solo amalgamano i gusti e i sapori ma regalano dei profumi intensi e molto avvolgenti. Con le erbe aromatiche si possono arricchire moltissimi piatti e condirli in modo semplice e naturale. Per questo motivo, cresce sempre di più il numero di chi decide di coltivarle in casa, in giardino o sul balcone. Tra le piante aromatiche più amate e consumate, troviamo anche il basilico. In tanti lo coltivano ma l’intento è quello di ottenere foglie grandi e profumatissime, bisogna stare attenti a non commettere alcuni errori molto comuni.

Come e quando tagliare questa pianta dal profumo inconfondibile

Molto coltivata è anche la pianta di prezzemolo. Ed è per questo motivo che bisognerà capire come raccogliere il prezzemolo al meglio per farlo ricrescere in modo più sano e rigoglioso possibile.

Non tutti sanno che la maggior parte del prezzemolo sarà pronto per la raccolta dopo circa 70-90 giorni dalla semina. Bisognerà tagliare la pianta alla base. Poi, raccogliere gli steli a mazzetti. Mai tagliare il prezzemolo alla cima. In questo modo, si stimolerà la crescita di nuovi steli e si donerà più energia all’intero cespuglio.

Come raccogliere il prezzemolo per farlo ricrescere rigoglioso e più velocemente

Se si vuole raccogliere solamente un po’ di prezzemolo, allora si consiglia di tagliare le foglie dall’esterno. Una tecnica molto efficace anche per chi vuole tagliare più di un ramoscello. In questo modo la parte interna avrà più tempo per maturare. Inoltre, cominciare la raccolta dalle foglie più esterne permetterà alla pianta di concentrare le sue energie nella zona centrale, donando all’interno arbusto più forza.

Infine, il prezzemolo andrebbe raccolto di continuo. In questo modo, si avrà una produzione ciclica per tutta la durata della stagione. Le piante coltivate all’esterno di casa, con il freddo moriranno facilmente, dunque, per preservarne il sapore, meglio raccogliere tutto il prezzemolo a fine estate, massimo all’inizio dell’autunno. Protetto adeguatamente dagli agenti atmosferici, il vegetale continuerà a crescere anche nel periodo invernale.

Lettura consigliata

Come conservare l’uva bianca o nera in frigorifero e consumarla in modo sfizioso
(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te