Come pulire gli escrementi di piccione con questo metodo efficace anche per tenerli lontani

Può capitare che dei piccioni abbiano preso di mira il nostro balcone. Ogni mattina ci si ritrova con i loro escrementi sparsi su tutto il pavimento. E ci tocca pulire. Ma bisogna farlo con molta attenzione. Perché i piccioni sono animali portatori di diverse malattie.

Il guano

Gli escrementi dei piccioni vengono chiamati guano. Si forma proprio dalla decomposizione di escrementi e si accumula in posti dove difficilmente va via naturalmente con le piogge. Posti proprio come i balconi di casa, le grondaie o i cornicioni. Il problema principale è che questa sostanza è nociva e contiene tanti batteri. E può portare diversi problemi sanitari. Quindi è bene sapere come eliminarla in sicurezza dai nostri balconi. Quindi il problema non è solo estetico. Lasciare che gli escrementi si accumulino può causare danni alla salute. Ecco gli accorgimenti da usare per pulire a fondo, e anche qualche trucco per allontanarli dal proprio balcone.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Come pulire gli escrementi di piccione con questo metodo efficace anche per tenerli lontani

Prima di tutto bisogna proteggersi bene. Guanti di gomma e mascherina sono d’obbligo. Così si evita il contatto con gli escrementi, ma non solo. La mascherina protegge dalle polveri che si possono alzare durante la pulizia, che sono contaminate dal guano. Se necessario, si possono usare anche occhiali protettivi.

Dopodiché si passa all’azione. Se lo strato accumulato è abbastanza spesso, conviene prima passare la scopa, meglio se dalle setole rigide. Eliminando le parti ormai secche e superficiali, così sarà più facile agire sullo strato sottostante. Poi si prende un secchio d’acqua possibilmente calda e si butta sul pavimento. Se si ha a disposizione una pompa per l’irrigazione ancora meglio. La potenza del getto eliminerà le parti più incrostate. Ora è il momento di usare i detergenti. Per il primo passaggio va bene uno sgrassatore, ma meglio usare anche un detergente antibatterico. Lo versiamo o spruzziamo e lasciamo agire per qualche secondo. Poi recuperiamo della carta di giornale e cominciamo a pulire. Con movimenti circolari, per disincrostare ogni residuo.

Se necessario, andranno fatte più passate, versando l’acqua calda dopo ogni lavaggio, per eliminare appunto i residui. Come ultimo passaggio, quando ogni traccia sarà scomparsa, si può lavare tutto con l’ammoniaca. È proprio l’ammoniaca che farà da repellente, e terrà lontani i piccioni, almeno per un po’ di tempo. Quindi meglio abbondare.

Una cosa molto importante

La carta usata andrà riposta in un sacchetto, che poi deve essere ben sigillato e smaltito nei rifiuti indifferenziati. Questo per evitare il contatto con il guano. La scopa utilizzata per pulire gli escrementi va disinfettata bene. E utilizzata solo per gli esterni, così non si rischiano contaminazioni.

Ecco come pulire gli escrementi di piccione con questo metodo efficace anche per tenerli lontani. Se le quantità di guano sono importanti, meglio chiedere aiuto a una ditta specializzata. Ad esempio se si deve affrontare la pulizia di una casa appena comprata e che è stata vuota per molto tempo. Infatti è in questi casi che è più probabile che i piccioni infestino gli ambienti e creino i loro nidi.

 

Approfondimento

Ecco come allontanare i piccioni dal tetto di casa

Consigliati per te