Come non far attaccare il cibo alle padelle

Può capitare spesso che, la pietanza cucinata, si sia attaccata alla padella, conferendo al cibo un aspetto poco piacevole o addirittura il tipico sapore di bruciato. Questo problema, può subentrare quando le stoviglie cominciano ad invecchiare e il fondo perde la sua capacità antiaderente.
Per ovviare a questo inconveniente e evitare di stressarsi in cucina, per eliminare il bruciato dal fondo della padella, esistono dei semplici trucchetti. Questi vengono realizzati usando solo sostanze naturali reperibili in casa.

Ecco come non far attaccare il cibo alle padelle.

Uso del sale

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Se la padella è di alluminio, il cibo si attacca con molta facilità.
Il problema può essere evitato se  si unge il fondo con un po’ di olio di semi e si cosparge un sottilissimo strato di sale su tutta la superficie.

Olio d’oliva

Per non far attaccare il cibo, versare sul fondo un po’ di olio di oliva, far riscaldare la padella, senza bruciare l’olio e poi cuocere il cibo.

Aceto di mele

Versare un po’ di olio sul fondo della padella e quando questo sarà caldo, spruzzare un po’ di aceto, farlo evaporare a fiamma bassa e procedere con la cottura della pietanza.

Burro biologico

Versare un cucchiaino di burro biologico prima di cuocere del cibo. Farlo sciogliere a fiamma bassa, mettendo un pochino di sale per evitare di farlo bruciare.

Sale grosso

Versare sul fondo della padella, quando sarà calda, una manciata di sale grosso.
Quando il sale sarà bruciato, togliere la padella  dal fuoco e pulirla con della carta da cucina. Procedere con la normale frittura o cottura del cibo.

Il segreto di come non far attaccare il cibo alle padelle è quello di fare in modo che il fondo rimanga sempre umido.
Se durante la cottura, si nota che il fondo si sta asciugando troppo, versare un po’ di acqua o di olio.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te