Come dividere i risparmi per non farsi mai mancare nulla, per farsi passare qualche sfizio e per metterne un po’ da parte

I soldi non si devono solo proteggere da tanti rischi. I quali possono spaziare dagli investimenti potenzialmente sbagliati all’erosione del capitale causata dall’inflazione, se i soldi giacciono infruttiferi sul conto corrente. Anche sostenere delle spese che portano a fare il passo più lungo della gamba è un grande rischio.

Il denaro, infatti, deve essere anche ben diviso tra quello che serve o che può servire per le spese che sono obbligate e che non si possono quindi evitare o posticipare.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Così come è cosa buona e giusta non solo accumulare e mettere da parte denaro da spendere per il tempo libero. Non si può vivere di solo lavoro. Tuttavia, avere soldi messi da parte come fondo di emergenza è fondamentale. Accantonando così soldi come risparmio da custodire a lungo termine.

Vediamo allora, nel dettaglio, quali sono le regole generali al fine di dividere correttamente i propri risparmi.

Come dividere i risparmi per non farsi mai mancare nulla, per farsi passare qualche sfizio e per metterne un po’ da parte

Nel dettaglio, la regola generale per la suddivisione dei propri risparmi è quella cosiddetta del 50/30/20. Ovverosia, destinare il 50% per la copertura delle spese necessarie, il 30% per il tempo libero e per gli svaghi e il 20% per il risparmio a lungo termine.

La quota del 20%, inoltre, può fungere da salvagente. Questa, infatti, con la regola 50/30/20, può essere utilizzata pure per andare a saldare e quindi a ripagare eventuali debiti.

In particolare, su come dividere i risparmi per non farsi mai mancare nulla, la regola 50/30/20 è chiaramente una linea guida che, anche in base alle proprie entrate, non può essere presa a riferimento da tutti. Pur tuttavia, si tratta di un modo semplicissimo per la gestione dei propri soldi senza dover effettuare calcoli o utilizzare complicate formule matematiche.

Qual è la suddivisione delle spese con la regola del 50/30/20

Per quanto detto, il 50% dei propri soldi andrebbe destinato a spese che spaziano dal pagamento dell’affitto alla rata del mutuo. Passando per l’acquisto dei beni di prima necessità e per il saldo delle utenze di telefono, acqua, luce e gas.

Nella quota del 30% rientrano, invece, le spese per abbigliamento, pranzi e cene fuori e abbonamenti vari. Dalla pay-Tv all’abbonamento allo stadio, passando per per l’abbonamento ad attività sportive come, per esempio, l’iscrizione alla palestra.

Nel 20%, infine, ci sono i soldi per saldare eventuali debiti, anche con pagamenti a rate. In generale, per avere sempre un fondo di emergenza ben alimentato.

Lettura consigliata

Quanti soldi avere da parte a 40 anni per stare tranquilli e le regole da seguire per proteggere il capitale

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te