Come difendersi dalle telefonate aggressive ai limiti dello stalking da parte dei call center

Di mattina presto, appena dopo pranzo, di sera durante la cena, insomma in ogni momento ci capita di essere disturbati, per non dire “aggrediti” da call-center e telemarketing, con una frequenza tale da assillare i poveri cittadini. 

Proprio per tali motivi, in questo articolo vedremo come difendersi dalle telefonate aggressive ai limiti dello staking da parte dei call center. La protezione dei cittadini deriva, infatti, dalla nuova normativa sulle telefonate commerciali , che entrerà in vigore dal 31 luglio in poi.

Entriamo nel vivo dell’argomento e vediamo come mettere con le spalle al muro gli operatori e interrompere immediatamente le chiamate scomode.

Come difendersi dalle telefonate aggressive ai limiti dello stalking da parte dei call center

Il modo principale per evitare le telefonate aggressive dei call center bisognerà applicare il nuovo decreto contro il telemarketing aggressivo e iscriversi al Pubblico Registro delle Opposizione. In questo modo saranno rovicati tutti gli eventuali consensi prestati ad ogni società commerciale.

ll nuovo registro diventerà operativo entro il 31 luglio 2022 e chi si iscriverà cancellerà in un colpo solo tutti i consensi rilasciati a singoli operatori. Inoltre i call center sono obbligati ad utilizzare due tipi di prefissi a seconda del tipo di telefonata: quelle statistiche e quelle di mercato.

L’iscrizione in questo registro cancella automaticamente il proprio nome e il proprio consenso dalle liste utilizzate dai call center. 

Un secondo modo per difendersi dalle telefonate dei call center è scaricare alcune utili applicazioni  che ci consentano di scoprire tutti i numeri di telefono spam, ovvero tutte le numerazioni usate dai call center. 

Cosa fare se i primi due metodi non funzionano?

Ecco qualche utile suggerimento per limitare sin da subito il fastidio di questo tipo di telefonate. Molti chiudono immediatamente il telefono, altri si lasciano andare ad insulti e sfoghi senza senso nei confronti di chi sta facendo solo il suo lavoro. 

Con altri metodi, però, è possibile capovolgere la situazione a proprio vantaggio. Ad esempio, tentando di mettere in imbarazzo l’operatore, ricordando che la telefonata può essere registrata anche dal cliente e senza il consenso della controparte. Il consumatore può chiedere all’operatore il suo codice, il suo nome e cognome, per quale società lavora e il nome dell’azienda che ha richiesto il telemarketing.

Cosa accade se si riceve una telefonata nonostante l’iscrizione nel Registro

Gli operatori commerciali, prima di procedere alle telefonate, dovrebbero verificare se la numerazione è presente nel Registro e, in caso positivo, non telefonare. 

Se si viene chiamati ugualmente si potrà ricordare all’operatore che la telefonata è illegale e che lo si potrà denunciare al Garante della Privacy.

Approfondimento 

5 trucchi per difendersi dalle centinaia di chiamate da falsi call center che estorcono dati sensibili 

 

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te