Cointestare il conto corrente per abbassare il reddito ISEE

Esistono diverse strategie per abbassare il reddito ISEE. Una di queste la offre il conto corrente cointestato con un’altra persona. In questo articolo vi spiegheremo come fare per abbassare la soglia di reddito ISEE grazie al conto cointestato e di quanto diminuisce il valore calcolato ai fini delle agevolazioni statali

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Perché conviene cointestare il conto corrente

Come molti contribuenti sapranno, l’importo di reddito ISEE è molto importante per la richiesta di alcuni sussidi o agevolazioni economiche nei riguardi dello Stato. Più è basso il valore calcolato, meno care saranno le tasse universitarie del figlio, più basso il pagamento ticket sanitario, più semplice l’accesso ai sussidi. Perché la platea dei risparmiatori possa accedere con maggiore facilità alle agevolazioni, occorre talvolta utilizzare delle strategie per  ridurre l’ISEE. Una delle soluzioni più interessanti potrebbe essere quella di cointestare il conto corrente per abbassare il reddito ISEE. Ci sono, però, degli accorgimenti da utilizzare nella scelta del cointestatario come vedremo.

Attenzione ad alcuni aspetti formali

Nella misura in cui si decide di cointestare un conto corrente, bancario o postale, con un’altra persona, dal punto di vista formale accade questo: il deposito presente su di esso viene ripartito nella misura del 50% ciascuno. Questo vuol dire che se sono presenti due cointestatari, i soldi presenti sul conto risultano metà dell’uno e metà dell’altro. Questo aspetto formale, potrebbe diventare una vera forma di donazione nel caso di decesso di uno dei due che è possibile evitare come suggerito qui.

Come scegliere il cointestatario

Cointestare il conto corrente per abbassare il reddito ISEE. Nel caso si prosegua per questa via, allora si dovrà porre attenzione ad alcuni aspetti.

Il cointestatario, difatti, non deve essere un membro appartenente al nucleo familiare. Questo perché, altrimenti, i due redditi si andrebbero a sommare a fini del calcolo ISEE. Come sappiamo, questo tipo di calcoli si esegue in maniera automatica grazie all’ISEE precompilato. Pertanto, non si può pensare di cointestare un conto con il familiare e dissociare i due redditi.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te