Chi deve pagare l’IMU quando la casa è in comproprietà?

Chi deve pagare l’IMU quando la casa è in comproprietà?

Pagare le tasse non piace a nessuno ed ogni scusa può essere un buon pretesto per non farlo. Quando non si è unici proprietari di un immobile o unici conduttori la situazione si complica perchè più persone devono adempiere allo stesso tributo.

Prestito in convenzione
Prestito in convenzione

L‘IMU è l’acronimo di Imposta Municipale Unica. Si tratta della tassa sulla proprietà degli immobili.

L’IMU, salvo i casi di esclusione, deve essere versata per il possesso di qualunque immobile, terreno, pertinenza e fabbricato.

Deve essere pagata ogni anno in due rate nel mese di giugno e dicembre e viene calcolata sulla base delle aliquote fissate dal comune in cui ha sede l’immobile e pertanto è variabile.

Chi deve pagare l’IMU quando la casa è in comproprietà? E in quale quota?

In tema di imposta sugli immobili, quando si verifica una comproprietà tra due o più soggetti non vige la regola della “solidarietà passiva”. Chi deve pagare l’IMU quando la casa è in comproprietà?

Ciò significa che il Comune non potrà chiedere il pagamento dell’IMU a uno solo dei comproprietari, lasciando a questi poi l’onere di rivalersi contro gli altri per le rispettive quote.

Ciascun comproprietario è responsabile autonomamente della obbligazione tributaria per la sua quota.

Insomma, in caso di comproprietà su una cosa o altro immobile, si avranno tanti debiti fiscali per quanti sono i titolari del bene e non uno solo.

Come noto, l’Imu non è dovuta sull’abitazione principale.

Immaginiamo, che due fratelli siano comproprietari al 50% di un appartamento.

Nell’appartamento vive e risiede solo un fratello con la sua famiglia mentre l’altro fratello vive in un altro appartamento nello stesso comune.

In questo caso, il Comune dovrà pretendere la quota IMU dall’altro proprietario comproprietario dell’immobile come seconda casa in base alla rispettiva percentuale di possesso.

Quindi i comproprietari che non abitano nell’appartamento e non utilizzano l’immobile come propria abitazione principale sono tenuti a corrispondere l’IMU relativa alla propria quota di proprietà.

Approfondimento

Arriva il bonus vacanza di 325 Euro: cos’è e come funzionerà

Consigliati per te