Cartelle Agenzia delle Entrate con rate automatiche

Agenzia delle Entrate

Nuove soglie per ottenere la rateizzazione delle cartelle esattoriali per chi chiede i nuovi piani nel 2022. Si tratta della novità più importante per quanti hanno debiti con il Fisco e hanno presentato o presenteranno le istanze di dilazione dei loro debiti.

Non parliamo di sanatorie, nuove rottamazioni o di nuovo saldo e stralcio, parliamo dei piani di dilazione classici, quelli sempre aperti e possibili per i contribuenti che hanno cartelle con il Fisco. In materia di direzione delle cartelle esattoriali, dal 16 luglio 2022 si è alzata del doppio la soglia a partire dalla quale è possibile ottenere automaticamente e più facilmente la rateizzazione.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Cartelle Agenzia delle Entrate con rate e cosa è cambiato dal luglio 2022

Si passa da 60.000 euro a 120.000 euro. Questa, infatti, è la nuova soglia limite da tenere in considerazione per quanti hanno dei debiti fiscali per cui presenteranno le richieste di rateizzazione. Questa è una novità che è passata quasi in secondo piano ma su cui la Fondazione Accademia Romana di Ragioneria ha pubblicato un vademecum con una recente nota. Una specie di promemoria che spiega nel dettaglio cosa devono fare gli indebitati fiscali per poter godere di questo piano di rientro agevolato e rateizzato.

Come ottenere la dilazione delle cartelle in maniera rapida e veloce e fino a 120.000 euro

Ottenere rateizzazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate è una possibilità aperta a tutti i contribuenti a prescindere dall’ammontare del debito. Perché si tratta di una specie di trattativa privata tra fisco e contribuente.

Gli interessati possono presentare una domanda di dilazione direttamente online accedendo con le proprie credenziali di accesso SPID al sito dell’Agenzia delle Entrate Riscossione. Basterà verificare lo stato delle pendenze e poi chiedere la rateizzazione. In alternativa, tutte le sedi territoriali che una volta erano di Equitalia e adesso sono di Agenzia delle Entrate Riscossione hanno uno sportello a hoc a cui ci si può rivolgere per chiedere queste rateizzazioni.

La novità è partita dallo scorso luglio e oltre che sugli importi riguarda anche le procedure. Il meccanismo diventa molto più facile e molto più snello anche per chi ha debiti ingenti fino a 120.000 euro.

L’istanza da presentare per rateizzare le cartelle

Basta presentare una semplice istanza al concessionario alla riscossione per poter potersi garantire un piano di rientro più facile con delle rate profonde e lunghe fino a 6 anni. In pratica viene meno il vincolo di presentare la documentazione comprovante lo stato di temporanea difficoltà economica che prima era richiesto per i debiti sopra i 60.000 euro.

In pratica, presentando la semplice richiesta, il piano di dilazione dovrebbe essere facilmente approvato e rilasciato ai contribuenti interessati. Cartelle Agenzia delle Entrate con rate che diventano un’importante possibilità per molti contribuenti, quindi. Ottenere la bellezza di 72 rate mensili con cui rientrare dei debiti fino a 120.000 euro per chi presenta domanda adesso o chi l’ha presentata dal 16 luglio scorso diventa molto più semplice.

Lettura consigliata

Dall’Agenzia delle Entrate arriva la cancellazione delle cartelle fino a 1.000 euro

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te