Bancomat clonato, quando spetta il risarcimento

Un SMS dalla banca in piena notte ti notifica un prelievo fatto con la tua carta. Spesso in un paese lontano e in una valuta sconosciuta.  Quasi sempre per il massimo importo prelevabile. E’ chiaro, ti hanno clonato la carta bancomat. Come può essere successo?  Come recuperare i tuoi soldi? E quindi: cosa fare se ti clonano il bancomat? Abbiamo trattato i rischi che corre il tuo conto corrente in questo articolo, vediamo ora cosa fare se ti clonano il bancomat. E soprattutto, con il bancomat clonato, quando spetta il risarcimento?

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Fai attenzione allo sportello

Prelevare con la carta bancomat è un’operazione che svolgiamo molto spesso di fretta, pensando ad altro.  I truffatori lo sanno e infatti usano sempre lo stesso stratagemma, che purtroppo funziona. Un criminale installa uno skimmer sull’ ATM. Questo dispositivo simula la bocchetta originale dove si inserisce la carta e non interrompe la normale operatività dello sportello. Lo skimmer rileva i dati della nostra carta mentre una telecamera nascosta registra i movimenti della mano che digita il PIN. Il gioco è fatto: i truffatori possono ricreare una carta identica alla nostra ed utilizzare il nostro codice segreto. Dopo pochi giorni alcuni complici prelevano quanto possibile in Paesi dove è difficile poterli perseguire legalmente: Indonesia, Giamaica o Belize. Il consumatore deve sempre controllare che la bocchetta verde del bancomat non presenti anomalie. E coprire con la mano la tastiera quando si digita il PIN.

Bancomat clonato, quando spetta il risarcimento

Se la nostra carta è stata clonata, la prima cosa da fare è bloccarla ed impedire che possa essere utilizzata nuovamente. Per effettuare il blocco si può contattare la propria banca. Il numero è sempre riportato sul retro della nostra carta. Dopo che abbiamo bloccato la carta, è necessario stampare un estratto conto che elenchi tutti i movimenti sospetti. Dovremo quindi recarci a fare denuncia presso un commissariato di Polizia, una caserma dei Carabinieri o della Guardia di Finanza. Entro 60 giorni dovremo presentare una richiesta di rimborso alla nostra banca, che sarà tenuta a rimborsarci. Abbiamo visto cosa fare se ti clonano il bancomat, e cosa fare per evitarlo. E’ importante ricordare che le banche devono rimborsare le vittime di clonazione. Quindi, se capitasse, manteniamo la calma e non dimentichiamo di bloccare la carta e fare denuncia il prima possibile.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te