Attenzione, in arrivo 90.000 controlli da parte del Fisco per tutti: imprese, professionisti e persone fisiche

Insomma, per la serie “da una parte lo danno e dall’altra lo tolgono”, ripartiranno a manetta i controlli da parte del Fisco. Ebbene, l’Agenzia delle Entrate sta pianificando una serie di accertamenti e lettere di invito all’adempimento spontaneo.

Quindi, attenzione, perchè sono in arrivo 90.000 controlli da parte del Fisco per tutti: imprese, professionisti e persone fisiche. L’obiettivo principale è quello di ridare il via alla lotta all’evasione fiscale sospesa per lungo tempo a causa del coronavirus. Inoltre, lo Stato dovrà a stretto giro recuperare 14 miliardi di euro. L’analisi del rischio si concentrerà principalmente sui dati presenti nelle dichiarazioni dei redditi che vanno dal 2014 al 2018.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Come avverranno i controlli

Per capire come verranno fatti i controlli, si deve far rinvio alle istruzioni contenute nella circolare 4/E, pubblicata il 7 maggio dall’Agenzia delle Entrate.

Anzitutto, partendo dalle piccole e medie imprese, si inizierà con le lettere di compliance o adempimento spontaneo. Con esse, si consentirà alle PMI di regolarizzare subito la propria posizione, senza ulteriori aggravi.

Le indagini verranno condotte considerando i seguenti dati:

a) fatture elettroniche;

b) esterometro;

c) corrispettivi telematici.

I controlli riguarderanno anche chi non ha ancora presentato la dichiarazione dei redditi o l’ha presentata con dati incompleti.

Le altre categorie sotto il mirino del Fisco

Attenzione, dunque, perchè in arrivo ci sono circa 90.000 controlli da parte del Fisco. Tutti ne saranno interessati: imprese, professionisti e persone fisiche.

Altre categorie soggette ai controlli saranno quelle che hanno chiesto i bonus e hanno fruito dei benefici statali.

In particolare, si pensi a chi ha beneficiato degli aiuti di Stato nel 2018. A queste si aggiungono i lavoratori autonomi e le persone fisiche, nessuno escluso.

Anche qui, lo strumento preferenziale sarà la lettera di compliance, in modo da indurre le persone a pagare. Senza dover istruire ulteriori procedure.

Sicché, la procedura di recupero sarà più semplice e veloce per il Fisco. E anche il contribuente potrà evitare ulteriori aggravi e sanzioni. In particolare, si controllerà la coerenza con dati in possesso del Fisco e le dichiarazioni dei redditi 2017.

Consigliati per te