Attenzione a quali debiti si applica la Pace Fiscale e a quali no

Una volta presa la decisione sulla Pace Fiscale, si attende l’emanazione del provvedimento del Governo sulle questioni pratiche. In passato, l’Agenzia delle Entrate Riscossione aveva escluso che vi rientrassero le cartelle emesse a seguito di controlli automatici sulle dichiarazioni. In questo modo, molti contribuenti si erano visti esclusi dal beneficio.

Tuttavia, questa volta, sul punto è intervenuta la Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 18298 del 25 giugno 2021. Essa ha sciolto il dubbio, chiarendo a quali cartelle si applica la rottamazione. In particolare, sulla questione controversa ha stabilito un principio favorevole al contribuente.

Cioè, anche le cartelle relative alla dichiarazione dei redditi rientrano nella rottamazione. Il tutto, a condizione che rappresentino la prima manifestazione della pretesa impositiva da parte del Fisco. È necessario, cioè, che non siano precedute da avvisi di accertamento.

Cos’è la Pace fiscale: rottamazione e condono

Ebbene, nel provvedimento con cui si è stabilita la Pace Fiscale sono stati previsti rottamazione e condono. La rottamazione è, insieme al saldo e stralcio, una forma di definizione agevolata dei debiti tributari.

Essa deve essere chiesta specificamente dal contribuente e serve ad abbattere la somma totale dei debiti verso il Fisco. Gli effetti della rottamazione scattano dal momento di presentazione della domanda. Grazie ad essa, il contribuente pagherà il dovuto, a rate, abbattuto di sanzioni e interessi.

Il condono, invece, è un’eliminazione in radice del debito. Esso opera automaticamente e riguarda le sole cartelle fino a 5.000 euro, emesse dal 2000 al 2010.

Attenzione a quali debiti si applica la Pace Fiscale e a quali no

Nella rottamazione non rientrano i debiti per aiuti di Stato considerati illegittimi dall’Unione Europea. Inoltre, sono escluse le sanzioni penali, gli importi derivanti da sentenza di condanna della Corte dei Conti. Infine, non vi rientrano le sanzioni diverse da quelle tributarie o contributive.

Per quanto riguarda, invece, le cartelle relative alle dichiarazioni dei redditi dei contribuenti, la Cassazione ha risolto. Esse, alle condizioni indicate, non potranno essere escluse dal beneficio della rottamazione.

Dunque, attenzione a quali debiti si applica la Pace Fiscale e a quali no.

Approfondimento

Entro quanto tempo l’Agenzia delle Entrate può notificare un accertamento fiscale?

Consigliati per te