3 motivi per visitare in Alto Adige questo borgo sotto le montagne

L’estate è il momento in cui riscopriamo le nostre montagne. Un piccolo universo fatto di sapori, storie ed avventure. Spesso le immaginiamo come un luogo astratto fatto di pascoli e di sentieri, rifugi e casolari. Ma le montagne hanno molto da offrire ai viaggiatori attenti.

Infatti, una delle dimensioni più affascinanti è proprio quella delle città sotto le montagne. Non dei capoluoghi di Provincia. In alcuni di questi casi, come Torino, diventano vere e proprie città internazionali. In altri, come a Bolzano, dei centri storici ampi e dotati di molti servizi e istituzioni.

Ma esiste un turismo che cerca dei ritmi lenti e consapevolmente armoniosi. Delle dimensioni soffuse e diverse. Proprio come quelle dei borghi di montagna. Così tra le nostre fughe estive, mentre ci avviciniamo alle montagne per fare trekking, possiamo dedicare una giornata a Egna, o Neurmarkt, come si chiama in tedesco. È una destinazione da vedere assolutamente per gli amanti delle montagne. Così, ecco 3 motivi per visitare in Alto Adige questo borgo tra i più belli d’Italia.

Un vero e proprio mercato sotto i portici

Ci troviamo nella Provincia autonoma di Bolzano, in quella Regione unica al mondo che è il Trentino – Alto Adige. Questo paese di circa 5.000 abitanti è entrato da poco nel prestigioso circolo dei Borghi più Belli d’Italia. Un riconoscimento prezioso che ne esalta l’unicità. Egna è un esempio vivente di una città mercato incastonata sotto le Alpi. Le bianche mura degli edifici sono scavate per permettere i mercati sotto i portici, e per garantire anche d’inverno condizioni riparate. Questo borgo divenne fiorente nel Medioevo. Tutte le merci che passavano per Egna tra la penisola italiana e l’Europa centrale dovevano infatti per editto essere scaricate e trasportate dai locali. Egna era anche un porto fluviale, dove le legna dei boschi alpini venivano raccolte e vendute. Di questa storia rimane l’impronta nelle attività fiorenti e varie.

Oltre ad una passeggiata per godere delle fontane e dei bianchi edifici in stile alpino, Egna è un punto di partenza indiscutibile per gli amanti del vino. Qui arriva la celebre strada del vino, con cantine e degustazioni tutto l’anno. Da non perdere anche le escursioni in bicicletta che seguono il tracciato dell’Antica Ferrovia ed il percorso del fiume Adige. Tramite questo potremmo arrivare fino a Venezia.

3 motivi per visitare in Alto Adige questo borgo sotto le montagne

Un’altra ottima ragione per fermarsi ad Egna è la ristorazione. Qui si fondono richiami della cultura alpina mitteleuropea e i sapori e gli aromi provenienti dalla tradizione culinaria italiana. Imperdibili i cosiddetti Schlutzkrapfen (delle mezzelune che hanno un ripieno di spinaci e ricotta), ma anche i canederli. Notevole anche la tradizione dei dolci: dai celebri strudel ai cosiddetti Marillenknödel. Si tratta di veri e propri impasti di patate, uova e farina con l’albicocca. Una specialità golosa ed imperdibile.

Se poi vogliamo proseguire le nostre avventure verso le montagne, non dimentichiamo che esistono soluzioni per tutte le tasche e per tutte le esigenze estetiche. Alcuni tra i rifugi delle Alpi sono indimenticabili, come 3 rifugi che rimarranno per sempre nei nostri ricordi.

Lettura consigliata

Ecco svelati 3 luoghi perfetti dove andare d’estate in montagna in vacanza per spendere poco anche con bambini e ragazzi

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te