10 trucchetti della nonna per togliere le macchie ostinate dagli abiti preferiti

lavare

Se ci stiamo chiedendo come togliere una macchia di vino o di caffè dalla nostra camicetta preferita, siamo nel posto giusto. Macchiarsi è, purtroppo, molto facile. Basta un attimo di distrazione e i nostri abiti migliori si riempiono di patacche difficili da rimuovere. Ma per fortuna ci sono i trucchetti delle nonne che ci vengono in aiuto.

Il primo consiglio è di trattare le macchie il prima possibile perché vanno via più facilmente. Rimuovere vecchie macchie è sempre difficile perché si sono fissate nelle fibre della stoffa. Il secondo consiglio è di controllare la tenuta del tessuto, soprattutto se si tratta di capi delicati. Proviamo il prodotto su un angolo poco visibile e seguiamo le indicazioni sull’etichetta. Andiamo a scoprire, inoltre, 10 trucchetti della nonna per togliere le macchie ostinate dai nostri capi più belli.

Come togliere le macchie di sangue

Le macchie di sangue sono le più difficili da trattare se si seccano. Mettiamo appena possibile in ammollo i capi anche se non possiamo lavarli subito. Usiamo l’acqua fredda e non calda, che potrebbe facilitare la penetrazione del sangue nelle fibre, e trattiamo la macchia con sapone di Marsiglia. Poi procediamo con il lavaggio normale.

Se le macchie sono secche possiamo mettere il capo in ammollo in acqua aggiungendo del detersivo in polvere per i piatti. Lasciamo agire per un giorno intero e poi laviamo in lavatrice. Questo sistema è molto efficace ma va riservato ai tessuti resistenti. I capi delicati, infatti, potrebbero rovinarsi.

Acqua frizzante e borotalco per le macchie di olio

Se la blusa si macchia di olio mentre siamo al ristorante, possiamo semplicemente spruzzare dell’acqua frizzante e lasciare agire per qualche minuto. Poi tamponiamo con un tovagliolo pulito. Se interveniamo subito, elimineremo la macchia senza la necessità di risciacquare.

Un altro sistema efficace è quello di versare del borotalco sul tessuto unto. Il borotalco ha un alto potere assorbente e trattiene il grasso impedendo che si allarghi sul capo. Basta poi eliminare la polvere in eccesso e procedere al lavaggio normale. Anche in questo caso il trucco funziona se interveniamo subito.

Se le macchie sono vecchie possiamo trattarle con del detersivo liquido per piatti versandone poche gocce a secco sulla macchia. Poi possiamo lavare come al solito in acqua calda. Facciamo attenzione però ai capi delicati che potrebbero rovinarsi.

10 trucchetti della nonna per togliere le macchie ostinate, il vino

Anche in questo caso ci viene in aiuto l’acqua frizzante, soprattutto se siamo fuori casa. Basta spruzzare e strofinare per non far fissare la macchia e poi una volta a casa si procederà con il normale lavaggio. Se la macchia è ormai secca possiamo pretrattarla con del sapone di Marsiglia prima di lavare il capo in lavatrice.

Se le macchie sono vecchie usiamo del succo di limone miscelato a sapone liquido. Ricopriamo la macchia con questo composto e lasciamo agire per almeno 15 minuti, poi mettiamo il capo in lavatrice.

Aceto e limone per le macchie di caffè

Per le macchie di caffè il sistema dell’acqua frizzante non funziona, purtroppo. Possiamo però, una volta tornati a casa, trattare la macchia con aceto di vino bianco o succo di limone. Versiamo uno di questi prodotti sulla macchia e lasciamo agire per qualche ora prima di lavare in lavatrice. Se la macchia è secca può essere necessario un ammollo. Immergiamo il capo in acqua bollente dopo aver versato sulla macchia poche gocce di acqua ossigenata. Aspettiamo un paio di ore prima di strofinare delicatamente e lavare in lavatrice.

Per i tessuti delicati usiamo però un ammollo con acqua tiepida e aceto di mele. Lasciamo il capo in acqua una notte intera e poi sciacquiamo delicatamente. Infine, un trucco velocissimo che vale però solo con la seta. Laviamo con acqua gassata e asciughiamo con il phon. Nella maggior parte dei casi è sufficiente a far sparire la macchia senza rovinare il tessuto.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te