Rischio stangata nel 2021 per chi preleva denaro dal bancomat

In un precedente articolo (si può leggere qui), abbiamo anticipato una novità che potrebbe essere introdotta da gennaio per i prelievi dagli sportelli ATM. C’è un rischio stangata nel 2021 per chi preleva denaro dal bancomat. Vediamo perché.

La novità che potrebbe scattare da gennaio sui prelievi allo sportello ATM

Se sarà confermata (c’è una indagine dell’Antitrust), dall’1 gennaio Bancomat S.P.A. cambierà le modalità delle commissioni interbancarie. Ovvero, varierà il modo con cui ogni banca verrà retribuita ogni volta che un consumatore utilizza il suo sportello bancomat. Ricordiamo che Bancomat S.P.A. è la società che gestisce il sistema di funzionamento degli ATM in Italia. Di questa azienda sono soci le principali banche italiane.

Questa novità, che riguarda i rapporti economici tra banche, impatta, però direttamente anche sui clienti. Dall’1 gennaio chi preleva da uno sportello ATM potrebbe avere una brutta sorpresa.

C’è un rischio stangata nel 2021 per chi preleva denaro dal bancomat. In questo articolo gli Esperti di ProiezionidiBorsa vogliono fare luce su quali saranno i risvolti per i consumatori.

I risvolti pratici all’atto del prelievo allo sportello bancomat

Fino ad oggi (e certamente fino al 31 dicembre), un cliente che fa un prelievo allo sportello bancomat paga delle commissioni. Queste sono stabilite in base al contratto che ha stipulato con la sua banca.

La commissione può essere zero, oppure avere un costo. In ogni caso il consumatore sa prima di prelevare del denaro, i costi a cui andrà incontro prelevando dall’ATM di un istituto.

Con il nuovo sistema commissionale introdotto da Bancomat, ad ogni consumatore sarebbe negato di conoscere in anticipo la commissione per prelievo bancomat.  Saprebbe del costo solo un secondo prima del prelievo. Non è una differenza di poco conto, specialmente per chi è cliente di una banca on line.

Il possibile impatto negativo per i consumatori

Facciamo un esempio per rendere chiaro il problema. Francesco è cliente della banca X e sa che non ha nessun costo a prelevare presso gli ATM di alcune banche. Invece ha un costo di 0,5 euro per il prelievo presso altri istituti.

Col nuovo sistema, solo quando ha già introdotto la carta di debito e iniziata l’operazione di prelievo, Francesco conoscerà qual è il costo dell’operazione. E’ evidente il disagio che avranno moltissimi consumatori.

Solo al momento dell’inserimento della carta bancomat si saprà qual è il costo del prelievo. E solo in quel preciso istante, il cliente deciderà se rinunciare all’operazione e trovare un altro bancomat. Oppure se proseguire e pagare per non perdere tempo.

Domanda. Immaginiamo una commissione media di 0,50 euro per prelievo. Quanti consumatori decideranno di interrompere l’operazione e trovare un’altra banca, magari, col rischio che anche quella abbia la stessa commissione?

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te