Questi lavoratori troveranno 200 euro in più nella busta paga di ottobre

euro

Il governo per arginare un po’ la crisi economica ha disposto diverse misure per dare un piccolo sollievo a tante famiglie in difficoltà. Tra queste ad esempio ha previsto l’aumento dell’importo dell’assegno unico per le famiglie con figli maggiorenni in condizioni di disabilità. Inoltre con D.L. n.50/2022 ha previsto per il mese di luglio a favore dei lavoratori dipendenti con determinati requisiti un’indennità una tantum di 200 euro. Con la circolare n.111/2022 arrivano importanti novità dall’INPS per alcuni lavoratori che troveranno invece la busta paga di ottobre un po’ più ricca. In particolare tale indennità è riconosciuta anche ai lavoratori con rapporto di lavoro in essere da luglio 2022. Ovvero per coloro che fino all’entrate in vigore del D.L.n.50/2022 non hanno beneficiato dell’esonero ex L.234/21, perché interessati da eventi coperti dai contributi figurativi INPS. Pertanto per questi lavoratori i datori di lavoro nella retribuzione di ottobre dovranno inserire anche l’indennità di 200 euro prevista dal Decreto Aiuti bis.

Indice dei contenuti

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Questi lavoratori troveranno 200 euro in più nella mensilità d’ottobre come indennità una tantum

Con il pagamento del mese di ottobre i datori di lavoro dovranno provvedere automaticamente ad erogare il predetto Bonus. I lavoratori per avere diritto all’indennità dovranno risultare occupati nel mese di ottobre e aver avuto un rapporto lavorativo nel mese di luglio 2022. Ciò vale anche se il rapporto di lavoro sia stato con altro datore. Nonché essere destinatari di eventi con copertura figurativa integrale dall’INPS fino al 18 maggio 2022 e non essere destinatari dell’indennità ex artt. 31-32 del D.L.n.50/2022. Inoltre il lavoratore dovrà dichiarare al proprio datore di lavoro:

  • di non beneficiare dell’indennità ex artt.31 e 32 del Decreto Legge n.50/22;
  • di essere stato destinatario di eventi con copertura integrale dall’INPS dal1°gennaio al 18 maggio 2022;
  • di essere consapevole di non avere diritto all’indennità erogata nel mese di ottobre laddove già destinatario della stessa con erogazione d’ufficio da parte dell’INPS.

In tal modo questi lavoratori troveranno 200 euro in più nella retribuzione di ottobre.

Cosa dovranno fare i datori di lavoro

I datori di lavoro per recuperare l’indennità anticipata nella denuncia di competenza d’ottobre dovranno esporre i dati nella sezione “PosContributiva” del flusso Uniemens. In particolare dovranno valorizzare all’interno della sezione “Denunciaindivisuale”, “Datiretributivi”, “InfoAggcausalicontrib” diversi elementi. Nell’elemento “Codice Causale” si dovrà inserire il codice già in uso “L031”, poi nell’elemento “IdentMotivoUtilizzoCausale” dovrà inserirsi il valore “N”, nell’elemento “AnnoMeseRif” dovrà indicarsi l’anno/mese “10/2022”. Infine nell’elemento “ImportoAnnoMeseRif” dovrà indicarsi l’importo da recuperare.

Lettura consigliata

L’INPS invia 350 euro a questi lavoratori che fanno domanda entro il 30 novembre

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te