Quando arrivano CIG e assegno ordinario? Ecco come verificare lo stato della domanda

L’INPS comunica, in materia di CIG e assegno ordinario, le modalità per verificare lo stato della domanda. L’Ente mette a disposizione dei lavoratori un servizio online, per verificare quando l’azienda ha inviato la domanda all’Istituto.

I trattamenti di Cassa Integrazione e di assegno ordinario dei Fondi di Solidarietà e del Fondo di Integrazione Salariale son erogati su domanda del datore.

Com’è risaputo, questi trattamenti sono stati previsti per far fronte all’emergenza epidemiologica che ha determinato una grave crisi per lavoratori e aziende.

Qualora il lavoratore voglia sapere quando il suo datore di lavoro ha inviato l’istanza e quando arrivano CIG e assegno ordinario, come fare? Ecco come verificare lo stato della domanda. L’INPS, per consentire ai lavoratori di verificare quando l’azienda ha inviato la domanda, nonché di seguire l’iter fino al pagamento, ha previsto un nuovo servizio.

L’INPS, infatti, ha reso disponibile la nuova sezione “Integrazioni salariali” del servizio online CIP-Consultazione Info previdenziali.

Quando arrivano CIG e assegno ordinario? Ecco come verificare lo stato della domanda

La Consultazione Info Previdenziali consente di visualizzare, nel periodo richiesto, una serie di informazioni. Tramite la voce “Integrazioni salariali” i lavoratori potranno verificare le domande di CIG e assegno ordinario, inviate all’INPS dai datori di lavoro, in data 23/2/2020.

Potranno, in tal modo, seguire tutte le fasi, fino al pagamento.

Il servizio è disponibile anche sull’APP INPS Mobile. Il servizio mette a disposizione due sezioni:

  • una per la consultazione dei dati connessi alle denunce mensili UNIEMENS, inviate dal datore di lavoro;
  • l’altra per consultare le domande di integrazione salariale con richiesta di pagamento diretto connesse all’emergenza Covid, ovvero domande di CIG e di assegno ordinario.

Quindi accedendo al servizio con le proprie credenziali, mediante il portale o l’APP INPS Mobile, i lavoratori potranno verificare le domande inviate dai loro datori. E in tal modo monitorarle, fino ai relativi pagamenti. L’Ente, inoltre, mette a disposizione degli interessati un tutorial con tutte le istruzioni da seguire per verificare lo stato di ogni domanda, nonché i dettagli relativi ai pagamenti.

Approfondimento

Finalmente l’assegno di 1.200 euro per le famiglie in difficoltà

Consigliati per te