Quale caffè contiene più caffeina?

L’Italia, si sa, è la patria del caffè. Ma il caffè è una bevanda che trova ospitalità in molte nazioni. Praticamente in tutto il mondo. Ma tra tutti i tipi, quale caffè contiene più caffeina?

Forse non tutti sanno che la posata più piccola del servizio da tavola è il cucchiaino da caffè da sera. Sì, perché, anche questa è una cosa che non tutti sanno, esiste il cucchiaino da caffè post pranzo e quello per il caffè servito dopo la cena.

Quanta caffeina contiene il caffè italiano?

Inezie che, però, fanno capire una cosa: il caffè italiano, quello ristretto come piace a molti di noi, è quello che contiene meno caffeina. Il che lo porta ad essere una bevanda che può essere servita anche la sera. Ovviamente per chi non presenta problemi di insonnia. Per chi invece si sta chiedendo quale caffè contiene più caffeina, la risposta è una sola: quello americano.

Caffè espresso e lungo

Forse non il massimo per i nostri palati che preferiscono un gusto più deciso, ma sicuramente adatto per chi è abituato a frenetici ritmi di lavoro. Il motivo? La maggiore presenza di acqua. Infatti è a quella che le molecole di caffeina si legano. Quindi, a differenza di quanto si possa credere, il gusto forte e la densità di una tazzina da bar non sono garanzia di “forza” intesa come alta percentuale di caffeina. Chiunque, invece, voglia avere un caffè “forte” in questo senso dovrà preferire la versione “lunga”.

Contiene più caffeina l’espresso o il caffè con la moka?

La prova? Nei numeri. Considerando la stessa miscela (perché è bene ricordare che cambiando la miscela cambia ovviamente anche la quantità di caffeina) a determinare la quantità di caffeina è anche la preparazione. O per meglio dire lo strumento con cui si prepara l’infusione di caffè. Contiene più caffeina l’espresso o il caffè con la moka? Una tazzina di caffè preparato con la moka ci farà avere qualcosa come 100-150 mg di caffeina. Diversa, invece la quantità nell’espresso, che non va oltre i 60-80.

Da cosa dipende la presenza di caffeina?

La causa di questa disparità sta nel fatto che il tempo di permenenza dell’acqua nell’espresso è inferiore rispetto alla moka. Da cosa dipende la presenza di caffeina? Ad influenzare la presenza di caffeina, però, è anche la miscela non solo intesa come composizione ma anche come livello di macinatura. Nel caso di una polvere più sottile, infatti, il tempo di permanenza dell’acqua sarà superiore. Conseguenza: avrà avuto più tempo per estrarre le sostanze presenti nella miscela. Caffeina inclusa.

Quale caffè contiene più caffeina?

Ma la presenza di caffeina viene calcolata in oncie, ovvero poco meno di 30ml. Quindi, partendo da un’unità di misura pari per tutti, il caffè americano va da 8 a 15mg di caffeina per oncia, l’espresso da 30 a 50mg. Ma per quale motivo allora il caffè americano ha più caffeina? Per il semplice fatto che è servito in tazze mug da 250ml. Nessuno, in America, vi servirà un caffè americano in tazzina. Partendo da questo presupposto si capisce che la vittoria per il caffè americano è facile. Quale caffè contiene più caffeina? La risposta è: caffè americano. Servito come si serve, vi regalerà la bellezza di un quantitativo di caffeina che può arrivare anche a 120mg.

Approfondimento

Analisi e Articoli sulla materia prima caffè

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.