Potranno attivare lo SPID in modo semplice sia alle Poste che direttamente da casa anche questi nuovi soggetti  

La realtà è sempre più online e accedere ormai alla maggior parte di servizi resi dalla Pubblica Amministrazione diventa sempre più facile. Tutto diventa più smart e veloce, facendo risparmiare anche tantissimo tempo ai cittadini. Basta semplicemente avere lo SPID per presentare qualsiasi istanza, che sia la richiesta di un Bonus o di un certificato al Comune. Ad esempio dal 15 novembre scorso sul portale dell’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente è possibile scaricare ben 14 tipologie di certificati.

Da oggi in poi anche i minori potranno avere l’identità digitale. Lo rende noto l’Agenzia per l’Italia Digitale che con determina n.51 del 3 marzo 2022 ha pubblicato le linee guida operative per la fruizione dei servizi SPID da parte dei minori. In particolare le modalità di rilascio dell’identità digitale al minore e di fruizione dei servizi online mediante tale identità. D’ora in poi potranno attivare lo SPID anche gli appartenenti alla fascia under 14.

Grazie a tale servizio i ragazzi potranno utilizzare i servizi loro dedicati in piena sicurezza e tutela dei dati. Seguendo le le linee guida i minori dai 5 anni in poi potranno ottenere e usare lo SPID per l’accesso ai servizi digitali sotto la supervisione dei genitori. Infatti le linee guida sono improntate a garantire massimamente il minore. Le amministrazioni e i privati che erogano i servizi devono effettuare un’autonoma e dimostrabile valutazione in ordine alla necessità di conoscere l’età dell’utente. Nonché dovranno avere la certezza dell’identità del minore per le finalità del servizio.

Potranno attivare lo SPID in modo semplice sia alle Poste che direttamente da casa anche questi nuovi soggetti

Per il rilascio dello SPID a favore dei minori, i genitori potranno rivolgersi al proprio gestore dell’identità digitale e accedere con credenziali di livello 2. Di lì accedere al servizio reso disponibile. Inoltre, si richiede che il gestore dell’identità digitale e il fornitore di servizi adottino un linguaggio chiaro e semplice nell’informativa sul trattamento dei dati personali. Ovvero facilmente comprensibile e accessibile.

Durante la fase di identificazione il genitore deve affiancare il minore infraquattordicenne per la tutela del minore stesso. L’Agenzia per l’identità digitale prevede due procedure diverse per i minori over e under 14. Nonché trattamenti e servizi diversi a seconda della fascia d’età. Inoltre il rilascio di SPID per minori under 14 e il suo utilizzo per l’accesso ai servizi online sono consentiti per un periodo sperimentale. In particolare fino al 30 giugno 2023 e potrà fruirsi unicamente dei servizi erogati in rete dagli istituti scolastici di ogni ordine e grado.

Approfondimento

Con questa novità finalmente molti risolveranno il problema di utilizzo dello SPID anche per i familiari in difficoltà

 

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te