Posso prelevare soldi sopra il limite dopo il 1° luglio?

Come fare se si ha bisogno di maggiore liquidità e non si vuole infrangere le nuove norme fiscali? Posso prelevare soldi sopra il limite dopo il 1° luglio? Nelle seguenti righe vi spieghiamo come prelevare sopra il limite nel pieno rispetto delle leggi fiscali e cosa riguarda la nuova normativa sull’uso di contante.

Cosa prevede la normativa e quali operazioni coinvolge

È ormai nota a moltissimi contribuenti la restrizione sull’uso di denaro in contante che entrerà in vigore dal prossimo 1° luglio 2020. L’art. 18, comma 1 del D.L. n. 124/2019, convertito in L. n. 157/2019, ha stabilito le nuove limitazioni sull’uso del contante. A partire dal prossimo 1° luglio e fino al 31 dicembre 2021, i trasferimenti di denaro contante non potranno superare la soglia di 1.999,99 euro. Successivamente, dal 1° gennaio 2022, la soglia scenderà a 999,99 euro.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, l'integratore che ti fa dimagrire velocemente - 4 al prezzo di 1 e la consegna è gratuita

Scopri di più

La nuova limitazione, che prevede multe salatissime per chi non la rispetta, si rifà all’art. 49 del D. Lgs. 231/2007 che stabilisce le norme antiriciclaggio. In questo scenario, i dubbi e le incertezze di molti palesano interrogativi che meritano risposta: posso prelevare soldi sopra il limite dopo il 1° luglio?

Perché il prelievo non è coinvolto nella nuova limitazione

In questo senso è importante porre una distinzione tra il prelievo e il trasferimento di contante. La nuova normativa non modifica le regole che riguardano il prelievo, ma si limita ad arginare il trasferimento di contanti e il pagamento in moneta. In buona sostanza, il contribuente non potrà più pagare o donare soldi in contanti oltre la soglia. Questo significa che l’azione di prelievo dal proprio conto corrente resta lecita e che non subisce delle restrizioni dalla nuova legge. Le già esistenti limitazioni al prelievo di denaro dal conto corrente seguono regole differenti che sono indicate qui.

La nuova normativa, che entrerà in vigore tra qualche giorno, riguarda quindi l’uso di contante nel trasferimento di denaro. Per trasferimento intendiamo forme di pagamento, donazioni o regali che si effettuano per mezzo del contante. L’alternativa, in questi casi, sarà quella di usare degli strumenti tracciabili e rilevabili dal Fisco per pagamenti superiori al 1.999,99 euro.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.