Per risparmiare sulla bolletta dobbiamo fare attenzione quando compriamo questo comune elettrodomestico

Tra le faccende domestiche compiute più frequentemente troviamo, senza ombra di dubbio, stirare. Infatti, oltre al forno, il ferro da stiro è sicuramente uno degli elettrodomestici più sfruttati.

Si tratta di un’attività che oggi si è trasformata quasi in una necessità, soprattutto per chi lavora in ufficio. Infatti presentarsi al lavoro con la camicia da stirare potrebbe essere interpretato come un segno di trasandatezza.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

Non sono poche le alternative al classico ferro da stiro. Infatti sono stati inventati diversi trucchi che permettono di risparmiare sia sulla bolletta della luce che tempo.

Nonostante questo, una grande fetta della popolazione predilige ancora il classico ferro da stiro.

Il Mondo di questi elettrodomestici, tuttavia, è molto ampio. Per questo motivo non è raro confondersi quando ci si ritrova di fronte a modelli all’apparenza simili ma, in realtà, del tutto diversi.

Quando ci si approccia al Mondo dei ferri da stiro per la prima volta bisogna sapere che ne esistono sia tradizionali che con caldaia esterna.

Per risparmiare sulla bolletta dobbiamo fare attenzione quando compriamo questo comune elettrodomestico

I ferri da stiro del primo tipo sono riconoscibili facilmente perché costituiti da un unico blocco che comprende il contenitore dell’acqua.

Molto semplice da riporre dopo l’uso anche se si possiede solamente uno spazio limitato. Tuttavia, le ridotte dimensioni del serbatoio dell’acqua ne determinano una scarsa autonomia. Anche per quanto riguarda la produzione del vapore, utile per eliminare le pieghe non è tra i ferri da stiro più eccelsi.

Un ferro da stiro perfetto nel caso in cui lo si usi con frequenza senza dover stirare una quantità di capi eccessivi.

Chi utilizza il ferro da stiro in maniera professionale, invece, potrà sceglierne uno con caldaia esterna. Tra le differenze quella che salta maggiormente all’occhio è legata alla presenza di un contenitore per l’acqua esterno molto più capiente. Infatti, mentre il serbatoio classico ha una capacità di circa mezzo litro di acqua quello esterno può contenere anche un litro di acqua.

Ottimo se si hanno molti capi da stirare e se si necessita di molto vapore.

Altre caratteristiche

Tra le altre caratteristiche di cui bisognerà tenere conto troviamo il materiale, la potenza e la distribuzione dei fori.

In commercio sono disponibili, solitamente, tre tipi di piastra: acciaio, teflon, alluminio.

Per risparmiare corrente elettrica si consiglia di scegliere ferri da stiro in alluminio, materiale con alta conducibilità.

Si tratta di ferri da stiro che si riscaldano più velocemente concentrando il calore sulla punta. Utilissimo quando bisogna stirare zone difficili dei panni. Il consumo di un ferro da stiro si aggira attorno ai 30 centesimi all’ora.

Inoltre sarà importate controllare anche la distribuzione dei fori che permetteranno un’erogazione del vapore ben distribuita. Ecco perché per risparmiare sulla bolletta dobbiamo fare attenzione quando compriamo questo comune elettrodomestico.

Consigliati per te