blank

Pensioni INPS alle casalinghe a partire da 57 anni di età in questi casi

Anche le casalinghe hanno l’opportunità di assicurarsi una pensione di vecchiaia a partire dal compimento del 57° anno di età. In circostanze simili, risulta necessaria l’iscrizione al Fondo INPS e INAIL a loro dedicato e il versamento di una certa quota di contributi. Di seguito i Tecnici di ProiezionidiBorsa illustrano le principali caratteristiche del Fondo e le condizioni che ammettono l’erogazione dell’assegno. Pensioni INPS alle casalinghe a partire da 57 anni di età in questi casi che poniamo in analisi.

Chi può iscriversi ?

Gli impegni e le attività quotidiane di una casalinga sono molteplici e talvolta piuttosto gravosi. La cura della casa e della famiglia richiedono un impiego di tempo ed energie costanti al pari di una attività lavorativa. In questi casi, affinché tale lavoratrice o lavoratore domestico si assicuri una pensione di vecchiaia, può iscriversi al Fondo INPS dedicato. La casalinga che si iscrive a tale Fondo e sottoscrive l’assicurazione INAIL ha la possibilità di fruire di due prestazione principali: la pensione di inabilità in caso di infortunio o la pensione di vecchiaia. Nella prima ipotesi, ossia in caso di inabilità assoluta e permanente, l’assicurata ha diritto alla pensione se ha versato almeno 5 anni di contributi. Per quanto riguarda invece la pensione di vecchiaia, occorrono altri specifici requisiti che analizziamo di seguito.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Quando è possibile percepire pensioni INPS alle casalinghe a partire da 57 anni di età in questi casi?

Il Fondo per le casalinghe ha visto la sua istituzione nel 1997 a seguito del D. Lgs. 565/1996. L’Istituto di Previdenza Sociale ammette l’iscrizione delle lavoratrici e lavoratori domestici che: abbiano età compresa tra 16 e 65 anni; non risultino titolari di una pensione diretta o ai superstiti; svolgano come principale attività quella di cura della famiglia in assenza di vincoli di subordinazione; non abbiano rapporti di lavoro dipendente o autonomo che obblighino all’iscrizione ad un ente o cassa di previdenza; prestino attività di lavoro part-time a condizione che, in rapporto ad orario e retribuzione, non si determini una contrazione delle settimane utili al diritto alla pensione.

Coloro che rispettano i requisiti in elenco, hanno la facoltà di iscriversi al Fondo. Per quanto riguarda il versamento della quota annuale, questa è di importo libero con un minimo di 25,82 euro corrispondente ad mese di contribuzione. Vien da sé che il versamento di quote più alte, riesce a coprire periodi contributivi maggiori. Tale copertura risulta importante per la percezione del trattamento pensionistico di vecchiaia come vedremo tra poco.

Pensioni INPS alle casalinghe a partire da 57 anni di età in questi casi

Come ottenere la pensione di vecchiaia a partire da 57 anni di età? In base a quanto rende noto l’INPS, la pensione di vecchiaia dal Fondo si può ricevere dai 57 anni purché: l’interessata abbia versato almeno 5 anni di contributi, ossia 60 mesi; abbia raggiunto il diritto ad un assegno pari ad almeno 1,2 volte l’assegno sociale. Risulta, al contrario, indipendente da vincoli di quota l’assegno della pensione di vecchiaia a partire dal compimento del 65° anno di età.

Cosa significa? In buona sostanza, la pensione di vecchiaia 2021, affinché sia erogabile a partire dal 57° anno di età, deve superare di 1,2 volte l’assegno sociale. Quest’ultimo, come sappiamo, nel 2021 corrisponde a 460,28 euro. Pertanto, le iscritte al Fondo ricevono la pensione di vecchiaia prima dei 65 anni solo a condizione che: vi sia un minimo versamento contributivo e si raggiunga un assegno di pensione pari ad almeno 1,2 volte l’assegno sociale.

In caso contrario, l’INPS non liquida la pensione. Al compimento del 65° anno di età, invece, si può ricevere la pensione di vecchiaia a prescindere dall’importo. Attenzione a ricordare che il calcolo della pensione segue esclusivamente il sistema contributivo e le pensioni non sono integrabili al trattamento minimo. Ecco quando arrivano le pensioni INPS alle casalinghe a partire da 57 anni di età in questi casi.

Approfondimento

L’INAIL riconosce un assegno alle casalinghe di 300 euro in questi casi

Consigliati per te