Non bisogna ignorare queste posizioni che il cane assume per comunicare qualcosa al padrone

I cani non hanno parola, ma riescono a far comprendere a gesti quello che vogliono comunicare al padrone. Imparare a capire perché il cane siede in una certa posizione o perché la coda resta bassa o le orecchie dritte, è fondamentale nella comunicazione.

La Redazione di ProiezionidiBorsa intende spiegare perché non bisogna ignorare queste posizioni che il cane assume per comunicare qualcosa al padrone. E per chi proprio non riesce, una speranza arriva da uno strumento sofisticato, in fase di test.

Il cane scuote la testa

Quando il cane rimane seduto con le quattro zampe sul pavimento e scuote ripetutamente la testa, come a voler liberarsi da qualcosa, è confuso. Certo, questo comportamento è anche sinonimo di fastidi del cane all’interno del condotto uditivo.

Erbe selvatiche o parassiti, specie durante l’estate trovano, nel condotto uditivo del cane, un rifugio sicuro. In questi casi, tuttavia, il cane tende anche a graffiare l’orecchio con la zampa. Se ciò non accadesse, questo potrebbe essere solo sinonimo di un disorientamento o una confusione canina.

Cane nervoso

Quando il cane abbaia continuamente, specie se seduto su quattro zampe e senza un apparente motivo, è semplicemente nervoso. Ha bisogno cioè di coccole e rassicurazioni e una buona idea è quella di acquistare un apposito giocattolo o qualcosa con cui impegnare il tempo.

Sull’attenti

Quando il cane resta seduto immobile, con coda bassa e rigida e muso alto a fissare un punto con lo sguardo, è semplicemente attento. Qualcosa cattura la sua attenzione, in senso positivo o negativo.

Tristezza o preoccupazione

Non bisogna ignorare queste posizioni che il cane assume per comunicare qualcosa al padrone perché questi sono veri segnali. Ad esempio, quando il cane resta seduto su un lato, con testa e orecchie basse o cambia spesso posizione, intende comunicare il suo disagio. Dimostrare al proprio amico a quattro zampe l’affetto di cui abbisogna è fondamentale in questi casi.

Noia e mancanza di stimoli

Simile alla posizione dapprima descritta è quella che il cane assume quando è annoiato. Anche qui orecchie e muso sono bassi, ma questa volta il cane tende a stare completamente disteso. Il muso è a contatto con le zampe anteriori.

Il traduttore di abbaio

Per chi ha davvero grandi difficoltà di comunicazione con il proprio animale domestico, la soluzione è il traduttore di abbaio. Per il momento, il dispositivo è in fase di test e sta raccogliendo ottimi risultati. Questo riesce semplicemente a tradurre gli stimoli che arrivano al cervello. È possibile cioè capire quando il cane prova gioia, tristezza, dolore, noia o nervosismo. Basta posizionare questo dispositivo sulla testa del cane e attendere che traduca gli impulsi del cervello. È chiaro, quindi, che non bisogna ignorare queste posizioni che il cane assume per comunicare qualcosa al padrone, ma il traduttore sarà un grande ausilio.

Consigliati per te