Le 2 patologie che danno subito diritto all’assegno di invalidità civile INPS

Insieme agli Esperti di Redazione analizzeremo le 2 patologie che danno subito diritto all’assegno di invalidità civile INPS. Sono numerosissime le malattie invalidanti cui l’Ente previdenziale riconosce benefici economici, esenzione e agevolazioni fiscali. Non sempre si tratta di disturbi e menomazioni presenti sin dalla nascita. Accade anzi molto spesso che nel corso degli anni e a causa di specifiche mansioni lavorative il soggetto debba fronteggiare malattie invalidanti. Ciò perché i sintomi che si registrano riducono in misura più o meno consistente le abilità quotidiane e le azioni che si svolgono in piena autonomia.

Sul portale ufficiale dell’INPS vi sono le tabelle che riportano l’elenco delle infermità, delle menomazioni e dei disturbi invalidanti con le relative percentuali. Diventa importane conoscere le patologie cui l’INPS assicura sostegno e misure assistenziali perché spesso non avanziamo richieste per semplice ignoranza. Non viene in mente che anche per una discopatia, i dolori alla cervicale o l’emicrania si possono richiedere sgravi fiscali e agevolazioni di varia natura. A tal proposito vi consigliamo di leggere l’articolo “Le 3 forme di emicrania e cefalea che danno diritto all’assegno di invalidità” per ulteriori indicazioni. Vediamo adesso invece quali sono le 2 patologie che danno subito diritto all’assegno di invalidità civile INPS e come ottenere il beneficio economico.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Le 2 patologie che danno immediatamente diritto all’assegno di invalidità civile INPS

Ci riferiamo nello specifico a due malattie che realmente compromettono in varia misura la vita quotidiana fino a determinare uno stato di infermità. La prima di esse coincide con l’ernia discale che spesso necessita di intervento chirurgico alle vertebre lombari. A seguito dell’operazione di stabilizzazione si può ottenere il riconoscimento di una percentuale di invalidità che oscilla tra il 31% e il 40%. Una percentuale pertanto cui non spetta il conferimento del rateo pensionistico e tuttavia è possibile richiedere una visita di accertamento alla Commissione medica dell’INPS. Ciò per attestare l’effettiva riduzione di alcune abilità quotidiane e capacità lavorative.

La seconda patologia per cui il contribuente potrebbe avanzare richiesta di assegno di invalidità è la depressione. In particolare, risultano molto invalidanti i disturbi depressivi gravi di natura endogena che prevedono il riconoscimento di un’invalidità tra 71% e 80%. A ciò si aggiungano le nevrosi fobiche, le nevrosi con sintomi ansiosi e le psicosi ossessive che realmente coincidono con malattie invalidanti. Ad esempio al soggetto che ha una diagnosi di psicosi ossessiva l’Ente previdenziale riconosce una percentuale di invalidità tra il 71% e l’80%.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.