La Borsa resiliente si prepara al grande balzo in alto

In Borsa a Milano in queste ultime sedute si vive di speranze e di spunti. Il riaccendersi di focolai di contagio e quindi l’incertezza sulla effettiva ripresa alla normalità delle economie, ha creato un sentiment di sfiducia generalizzato. Che però non sembra toccare Piazza Affari, almeno per il momento

La Borsa resiliente si prepara al grande balzo in alto

Le speranze della Borsa italiana sono molte. La speranza che i titoli bancari possano tornare a ripartire. La speranza che gli operatori possano tornare presto a puntare sul listino milanese. La speranza che sulle Borse europee ritorni rapidamente la voglia di comprare. Queste speranze hanno tenuto a galla Piazza Affari nelle prime due sedute della settimana. E ieri hanno permesso all’indice Ftse Mib di chiudere in rialzo dell’1%, migliore tra le Borse europee.

La resilienza del listino milanese è ammirevole da una parte e confortante dall’altra. Se con dati economici da brivido e con le Borse incerte, riesce e chiudere in rialzo, chissà cosa potrà accadere alla nostra Borsa quando le cose andranno meglio.

Scopri i vantaggi del trading con il leader nel settore
Se riesci a individuare le opportunità quando gli altri non le vedono, noi ti aiuteremo a sfruttarle nel modo migliore.

Scopri di più

In Piazza Affari non mancano spunti di investimento

Se la Borsa resiliente si prepara al grande balzo in alto, ci sono azioni che il balzo l’hanno già fatto. Non mancano in Piazza Affari titoli azionari che offrono spunti di investimento molto interessanti. Ieri è stata la volta del titolo azionario Landi Renzo (MIL:LR). Landi Renzo è una società italiana specializzata nella produzione di impianti a gas per motori termici. Ieri i prezzi hanno fatto un balzo del 16% spinti dai dati di bilancio del 2019 positivi. Hanno superato l’ostacolo di 0,50 euro e hanno chiuso a 0,53 euro. Il primo target è adesso 0,61 euro, al cui livello si chiuderà il gap di prezzo aperto con la seduta del 9 marzo. Il titolo azionario prima della caduta di marzo, quotava sopra 0,9 euro. E’ ipotizzabile nei prossimi mesi un ritorno verso quelle quotazioni, con una crescita da questi prezzi di oltre il 70%

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te