Il cambio euro dollaro ha ancora una chance di rafforzarsi. Attenzione, però, alla tenuta dei supporti

Dopo due settimane consecutive al rialzo, evento che non si verifica dal dicembre 2021, l’euro si è nuovamente indebolito rispetto al dollaro. Nulla di realmente compromettente per i rialzisti, tanto che il cambio euro dollaro ha ancora una chance di rafforzarsi. Attenzione, però, alla tenuta dei supporti.

Il vero problema dell’euro in questo momento è, però, quanto sta accadendo in Europa. Con il più alto tasso di inflazione mai registrato, l’insicurezza energetica e i crescenti segnali di recessione molti analisti prevedono che la moneta unica europea possa raggiungere la parità con il dollaro americano. Per gli amanti delle statistiche ricordiamo che sono passati 20 anni dall’ultima volta che c’è stata parità tra euro e dollaro.

Qui di seguito, poi, riportiamo anche la probabilità che l’euro si rafforzi contro il dollaro in funzione del mese dell’anno. Come si può notare, tranne che per il mese di dicembre che vede un euro più forte rispetto al dollaro, per gli altri mesi non c’è una chiara evidenza di quale delle due valute possa prevalere.

Il cambio euro dollaro ha ancora una chance di rafforzarsi. Attenzione, però, alla tenuta dei supporti

Il 3 giugno la chiusura del cambio euro dollaro (FXEURUSD) è stata a 1,0719, in ribasso dello 0,29% rispetto alla seduta precedente. La settimana, invece, si è conclusa con un ribasso dello 0,15%.

Time frame giornaliero

La proiezione in corso è chiaramente rialzista, ma il raggiungimento del I obiettivo di prezzo in area 1,0729 euro ha provocato una brusca battuta di arresto per le quotazioni che si sono adagiate in prossimità di questo livello.

A questo punto bisognerà attendere un chiaro segnale direzionale prima di potere sperare in un movimento di una durata significativa. In quest’ottica 3 sedute consecutive al rialzo e/o una chiusura giornaliera superiore a 1,0874 potrebbero essere un ottimo segnale rialzista. In questo caso gli obiettivi potrebbero essere quelli indicati in figura.

Al ribasso, invece, la rottura del supporto in area 1,0584 potrebbe provocare un’accelerazione verso la parità.

euro dollaro

Time frame settimanale

Nulla da aggiungere a quanto scritto settimana scorsa

Il raggiungimento della massima estensione ribassista in area 1,0332 ha permesso all’euro di riscattarsi e scattare al rialzo. La proiezione rialzista in corso (linea tratteggiata), quindi, adesso punta all’obiettivo più probabile in area 1,0913. Il superamento di questo ostacolo, poi, potrebbe aprire le porte al raggiungimento di area 1,1476, prima, e di area 1,20, poi. Quest’ultimo livello rappresenta la massima estensione rialzista. Conseguentemente su questi livelli si potrebbe assistere a qualche presa di beneficio.

I ribassisti, invece, potrebbero riprendere il controllo della tendenza nel caso di una mancata rottura di area 1,0913.

euro

 

Approfondimento

I mercati azionari americani tirano il fiato dopo il segnale rialzista di settimana scorsa. Adesso, però, è d’obbligo una prova di forza

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te