I mercati di tutto il Mondo sono ad una svolta. Cosa accadrà nel 2022?

Con la tempesta Covid e il progressivo cambio di passo da parte delle Banche centrali internazionali, i mercati di tutto il Mondo sono ad una svolta. Cosa accadrà nel 2022? Lo abbiamo chiesto a Bepi Pezzulli, noto avvocato d’affari, manager, giornalista italiano e britannico, a cui è stato recentemente assegnato il prestigioso Premio Eccellenza all’Annual Meeting di ProiezionidiBorsa. Di seguito l’intervista rilasciata alla nostra Redazione.

Partiamo da una prima domanda che, visto il periodo, è d’obbligo: la variante Omicron è un pericolo effettivo per dei mercati che, soprattutto negli USA, hanno più volte aggiornato i massimi storici?

La variante Omicron ha già fatto un ingresso aggressivo sui mercati, causando il Venerdì Nero del 26 novembre. L’indice DowJones ha perso 950 punti e da allora la volatilità è aumentata. Ma l’appetito degli investitori per le grandi azioni politiche di bandiera – lockdown, dad, pacchetti di stimolo – è scemato. D’altro canto, la Federal Reserve è concentrata sul termine delle politiche monetarie non convenzionali, e non manifesta di volerne sperimentare di nuove.

Io vedo tre rischi di mercato a breve termine.

Il primo rischio è la volatilità. I mercati azionari hanno un’elevata sensibilità verso la pandemia: il lungo rally dei prezzi ha reso le valutazioni elevate. Ogni nuova informazione è un’occasione per innescare il repricing. I riprezzamenti sono frequenti: ci sono voluti meno di cinque mesi per riprendersi dall’iniziale correzione da Covid 19, e ogni successivo calo è stato rapidamente invertito.

Il secondo rischio è l’inflazione. Omicron può  prolungare i colli di bottiglia nelle supply chains e le carenze nelle catene di approvvigionamento spingono i prezzi in alto. Recentemente, il Governatore della FED Jerome Powell ha ammesso che l’inflazione non è più da considerarsi transitoria.

Il terzo rischio è la politica monetaria. Infine, Omicron potrebbe ispirare una Federal Reserve più hawkish. Se Omicron dovesse alimentare l’inflazione, la Fed potrebbe aumentare la velocità del tapering; i mercati sono in attesa di prezzare pienamente 3 rialzi dei tassi nel corso dell’anno.

2) Jerome Powell ha riconosciuto l’inflazione come “non transitoria”. Quali saranno le conseguenze per i risparmiatori?

Gli investitori stanno lottando contro la repressione finanziaria (livelli più alti di inflazione rispetto a tassi di interesse più bassi) sin dalla crisi finanziaria del 2008. Ma ora, i tassi di inflazione raggiungono massimi pluridecennali, con più volatilità sui mercati. Un tale ambiente minaccia tutte le asset classes. Quindi è necessario sviluppare strategie di investimento non convenzionali. In breve, bisogna posizionarsi negative duration e per farlo è necessario un mix di strumenti; in particolare è opportuno combinare inflation-linked bonds e payer swaptions (call sulla variable leg di un fixed-v-floating IRS) e aprire posizioni corte sui corporate bonds: shortare il credito è l’unico modo per garantirsi un attivo che sale quando gli attivi di rischio scendono. Rimane un ruolo complementare per la protezione tradizionale: real estate, infrastructure e metalli preziosi.

3) Che anno sarà il 2022 sui listini internazionali e quali i possibili protagonisti?

I mercati temono un policy mistake: se la politica monetaria dovesse muoversi in ritardo, l’inflazione potrebbe prendere forza; ma se la politica monetaria dovesse muoversi in anticipo, manderebbe l’economia in recessione.

Secondo Barclays, “le riserve di liquidità delle famiglie e delle imprese dovrebbero sostenere una modesta crescita degli utili, ma i persistenti problemi delle catene di approvvigionamento, l’inversione del consumo di beni e l’hard-landing della Cina sono i principali tail risks”.

Bank of America, vede “molte somiglianze tra oggi e il 2000 – il picco della bolla tecnologica”.

Per Morgan Stanley, “lo S&P 500 sarà range-bound e volatile, e i rendimenti delle obbligazioni negativi al netto dell’inflazione. Il reddito fisso dovrebbe essere ridotto per finanziare una maggiore esposizione agli attivi reali e a strategie non direzionali”.

JPMorgan si aspetta che “i mercati emergenti e i segmenti ciclici del mercato sovraperformino significativamente. La ragione di questo è l’aumento dei tassi di interesse e la politica monetaria marginalmente più stretta che dovrebbe essere un vento contrario per i mercati ad alto multiplo come il Nasdaq”.

Citi ha scritto che durante il midcycle preferisce i titoli health care.  Il comparto può servire servire come “un ammortizzatore di volatilità” nei portafogli. Il mercato si aspetta tre rialzi dei tassi da parte della FED nel  2022.

Consigliati per te