I 5 beni che non rientrano nella successione e che non spettano agli eredi

eredi

Non tutto ciò che fa parte del patrimonio personale del defunto confluisce necessariamente nell’asse ereditario. Insieme agli Esperti di Redazione analizzeremo i 5 beni che non rientrano nella successione e che non spettano agli eredi. Conviene sapere con anticipo di quali beni non si potrà acquisire la proprietà in modo da non coltivare illusioni e false speranze. Allo stesso modo è altrettanto utile conoscere a quale quota ereditaria si ha diritto in riferimento del legame di parentela con il defunto.

Il titolare del patrimonio da lasciare in eredità deve avere consapevolezza di ciò che potrebbe non destinare agli eredi. Valuteremo pertanto i 5 beni che non rientrano nella successione e che non spettano agli eredi. Ma allo stesso tempo consigliamo di valutare anche “Quali beni rientrano nell’eredità quando si apre la successione?”. Non a caso si parla di attivo ereditario per indicare l’ammontare complessivo dei diritti e dei beni mobili e/o immobili che si possono trasferire agli eredi.

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2022

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

I 5 beni che non rientrano nella successione e che non spettano agli eredi

Secondo quanto stabilisce l’articolo 2 TUS non fanno parte dell’asse ereditario i beni del defunto che non abita in Italia e che si trovano all’estero. In secondo luogo si escludono dalla successione tutti i diritti o beni come auto, barche ecc. A questi si devono aggiungere i premi assicurativi sulla vita o in caso di decesso anche qualora il beneficiario dell’assicurazione dovesse essere l’erede. Il quarto bene che non figura nella successione coincide con l’indennità economica che spetta a fine rapporto di agenzia.

Allo stesso modo si esclude dall’eredità anche gli indennizzi agli eredi come ad esempio il preavviso su TFR. Non rientrano nella successione neanche i titoli di Stato come CCT, BOT e di altre Paesi facenti parte dell’Unione europea. Persino i crediti che il soggetto matura nei riguardi dello Stato, dell’erario o di enti previdenziali non fanno parte dell’attivo ereditario. Come anche gli eventuali beni culturali su cui vige il vincolo prima dell’apertura della successione.

Consigliati per te