Guai a buttare la cenere del camino perché sarebbe un eccezionale concime a gennaio e non solo per orto e rose 

Chi ha un camino lo sa, si accumula tanta di quella cenere che non si sa come smaltirla.

Quella che rimane dopo aver bruciato soli ceppi di legno, però, sarebbe la più preziosa e non dovremmo buttarla via.

Infatti, come ci insegnano giardinieri e agricoltori, la cenere di legna non trattata sarebbe un portentoso concime naturale.

Questa, infatti, sarebbe in grado di dare al terreno importanti sostanze vitali come potassio, magnesio, fosforo e calcio.

In più, però, si potrebbe sfruttare come scaccia lumache per evitare che queste bestiole rovinino irrimediabilmente le nostre piante.

In questo modo, con un unico prodotto di riciclo, potremmo beneficiare di almeno due vantaggi in giardino e sul balcone.

Allora, sarebbe proprio così: guai a buttare la cenere del camino perché sarebbe un eccezionale concime a gennaio e non solo per orto e rose.

Nell’articolo di oggi, infatti, scopriremo con quali altre piante potremmo utilizzarlo durante questo mese che è il primo totalmente invernale.

Nell’orto e per le rose

È vero, notoriamente la cenere come concime si associa all’orto e alle rose.

Nel nostro orticello, in particolare a gennaio, possiamo utilizzarla per dare nutrimento alle varie colture mature o in attesa di dare i loro frutti.

Infatti, sembrerebbe che, come si tramanda da generazioni di contadini, la cenere possa rendere più gustose cipolle, carote, sedano e patate. Inoltre, darebbe all’uva una dolcezza in più.

Tuttavia, si dovrebbe evitare un suo utilizzo con le piante acidofile, quelle che prediligono terreni acidi, come:

  • le aromatiche, come basilico e prezzemolo;
  • quelle di melanzane;
  • quelle di frutti di bosco, mirtilli e lamponi in particolare.

Per quanto riguarda le rose, invece, la cenere sarebbe un invitante bocconcino che le porterebbe a produrre fiori grossi e resistenti.

In aggiunta a ciò, creerebbe uno scudo naturale contro possibili malattie e sarebbe una preziosa alleata contro il freddo alle radici.

Guai a buttare la cenere del camino perché sarebbe un eccezionale concime a gennaio e non solo per orto e rose

Come abbiamo già ribadito, però, l’utilizzo della cenere di legna del camino come concime può essere diversificato proprio a gennaio.

Infatti, sembrerebbe il nutrimento ideale per alcuni bulbi che si possono piantare in questo mese e che si rilasseranno sottoterra fino alla primavera.

Stiamo parlando di: Amaryllis, narcisi, tulipani, giacinti, primule e viole.

Per queste bulbose la cenere sarebbe importante per il grande apporto di potassio, un minerale fondamentale e ricercato per crescere sane e rigogliose.

L’uso

Infine, per quanto riguarda il come utilizzare la cenere in caso di bulbi interrati e ancora dormienti, potremmo seguire queste regole:

  • per ogni bulbo dovremmo calcolare un mix di un cucchiaio abbondante di cenere e due di terriccio morbido e sciolto cioè fine e tritato;
  • dovremmo cospargere questo mix sopra il terreno in cui è già immerso ogni bulbo;
  • pressare delicatamente la superficie;
  • versare sopra poca acqua per irrigare.

Approfondimento

Molti pensano al concime ma per curare l’orchidea a gennaio e mantenerla fiorita bastano questi 3 consigli dei vivaisti

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te