Ecco la verità su come scegliere e curare una pianta da appartamento

Le piante da appartamento o comunemente chiamate piante da interno sono facilissime da curare; infatti, sono tra le più comuni e popolari. In aggiunta, sono anche una valida alternativa a chi non ha un grande spazio. A volte durante la scelta si considerano quelle più resistenti e che durano e vivono di più. Tutte hanno un nome specifico, alcune sono semplicemente verdi mentre altre hanno dei fiori.

Esistono quelle che necessitano di poca luce, molto comuni e diffuse e poi ci sono quelle che crescono in altezza. Le piante da interno in vaso sono eleganti e possono avere dei fiori anche particolari. Per esempio, in casa piacciono molto le piante grasse. Queste ultime si differenziano tra vari tipi. Infatti ci sono specie come l’Albero di giada o la Portulacaria afra. Ma come scegliere una pianta per un appartamento? Come curarla bene? Ecco la verità su come scegliere e curare la pianta, passando tra varie specie di fiori. Serve scegliere una pianta da regalare per una casa nuova o per se stessi? In entrambi i casi la risposta è a portata di mano.

Come prendersene cura

Generalmente questa tipologia ha una origine tropicale o al massimo subtropicale. Sono spesso curate e tenute in ambienti chiusi come le abitazioni domestiche. Infatti, anche in Europa sono molto diffuse. Nello specifico, cosa sono le piante d’appartamento? Possono essere semplicemente coltivate dentro casa. Alcune piante da interno come i Cactus necessitano di luce solare ogni giorno. Per cui, molto spesso bisogna scegliere una pianta da appartamento considerando a diversi aspetti.

Ecco la verità su come scegliere e curare una pianta da appartamento

In primis bisogna scegliere una pianta da tenere in casa in base a tre fattori. Il primo è la temperatura della casa. Quindi basandosi su questo si può scegliere una pianta piuttosto che un’altra. Il secondo aspetto è l’esposizione alla luce diretta e al sole. L’ultimo è la dimensione degli spazi. Le migliori piante da appartamento sono quelle predisposte anche all’umidità e che non crescono troppo.

Degli esempi sono l’Aglaonema e l’Aspidistra. La prima cresce lentamente e tollera la poca illuminazione della casa. Invece, la seconda ha bisogno di poca acqua e sopporta la scarsa illuminazione. Come curarle? In linea generale quasi tutte hanno bisogno di luce indiretta. Per migliorare lo stato di salute della pianta da appartamento è bene metterla vicino una finestra e magari anche dietro una tenda in modo tale da evitare che il sole bruci le foglie. D’estate, la temperatura ideale è di 20 gradi d’estate. Nella stagione invernale può scendere fino ad un massimo di 15 gradi.

Lettura consigliata

3 rimedi veloci per piante assetate o bruciate dal sole

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te